Giornata mondiale per la consapevolezza del cancro ai reni: colesterolo basso, sistema immunitario, sindrome epatorenale, malattia renale allo stadio
Salute

Giornata mondiale per la consapevolezza del cancro ai reni: colesterolo basso, sistema immunitario, sindrome epatorenale, malattia renale allo stadio

giugno 22 è la Giornata mondiale per la consapevolezza sul cancro ai reni. Questo è un momento in cui la comunità globale di pazienti, operatori sanitari, familiari e professionisti del settore medico sensibilizzano sul cancro del rene, una malattia grave che colpisce centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo. Per aiutare a familiarizzare con l'argomento, abbiamo fornito articoli sulla malattia renale allo stadio terminale e sulla sindrome epatorenale. Abbiamo anche incluso informazioni sul colesterolo basso e nuove informazioni su un nuovo farmaco che potenzia il sistema immunitario, aumentando la sopravvivenza del cancro del rene.

Il colesterolo basso può aumentare il rischio di mortalità nei pazienti con cancro del rene: Studio

Il colesterolo basso può aumentare il rischio di mortalità in pazienti affetti da cancro del rene, secondo i risultati della ricerca. I ricercatori hanno analizzato i livelli di colesterolo nel sangue in 867 pazienti con carcinoma a cellule renali prima dell'intervento chirurgico ai reni. I pazienti sono stati poi seguiti per una mediana di 52 mesi.

I ricercatori hanno scoperto che il basso livello di colesterolo nel sangue era associato a una maggiore crescita del tumore e alla diffusione del cancro durante il periodo di follow-up. I pazienti con colesterolo alto hanno un rischio inferiore del 43% di morire di cancro del rene, rispetto a quelli con bassi livelli di colesterolo.

Come i livelli di colesterolo influenzano la mortalità nei pazienti con cancro del rene non è chiaro, ma possono essere alcuni componenti del colesterolo che influenzano la crescita e la diffusione del tumore.

Il consumo di carne e alte temperature di cottura aumentano il rischio di cancro al rene

Una dieta ad alto consumo di carne, in particolare quando cotta ad alte temperature, è associata ad un aumentato rischio di cancro del rene a causa di alti composti cancerogeni, che si verificano più spesso da barbecue e pan-frittura.

I risultati provengono da ricercatori dell'Università del Texas, che hanno anche scoperto che quelli con una mutazione genetica specifica hanno un rischio più elevato del negativo effetti degli agenti cancerogeni.

La forma più comune di cancro del rene è il carcinoma a cellule renali (RCC), e si stima che colpisca 60.000 nuovi pazienti quest'anno e prendano 14.000 vite. La dieta occidentale è principalmente da incolpare per l'incidenza di carcinoma a cellule renali. Un aspetto principale della dieta occidentale è un elevato consumo di carne, che è già stato associato a molti tumori. Da tempo non si conosce il motivo per cui l'elevato consumo di carne è legato ai tassi di cancro.

Il potenziamento del sistema immunitario Opdivo aumenta la sopravvivenza del tumore al rene avanzato

Un farmaco potenziato del sistema immunitario, utilizzato anche nella contrazione dei tumori, ora promette nel trattamento del carcinoma renale avanzato. Il farmaco si chiama Opdivo e in fase di test, ha funzionato meglio di altri farmaci nella sua capacità di ridurre i tumori e aumentare la sopravvivenza del paziente.

Il ricercatore senior Dr. Padmanee Sharma ha detto che i risultati "sono significativi e clinicamente significativi per i pazienti e gli operatori sanitari allo stesso modo. "

Il team di ricerca ha confrontato gli effetti di Opdivo con un altro farmaco comune chiamato Afinitor. Ottocento persone con carcinoma renale avanzato hanno ricevuto il trattamento. Il restringimento dei tumori è stato osservato in tutti i pazienti.

Reni danneggiati dall'assunzione eccessiva di carne rossa

Un nuovo studio ha rilevato che il danno renale può derivare dal consumo di grandi quantità di carne rossa. Lo studio di Singapore suggerisce che lo scambio di almeno una porzione di carne rossa per un altro tipo di proteina può ridurre drasticamente il rischio di insufficienza renale.

Lo studio si è concentrato principalmente sull'assunzione di suino ed era associato a insufficienza renale allo stadio terminale (insufficienza renale). Lo studio ha rilevato che maggiore è il consumo di carne rossa, maggiore è il rischio di insufficienza renale.

Uno degli autori dello studio, il Dr. Woon-Puay Koh, ha dichiarato: "I nostri risultati suggeriscono che i pazienti con malattia renale cronica o la popolazione generale preoccupati per la loro salute dei reni può ancora mantenere l'assunzione di proteine, ma prendere in considerazione il passaggio a fonti vegetali. Tuttavia, se scelgono ancora di mangiare carne, pesce / crostacei e pollame sono alternative migliori alla carne rossa. "

Malattia renale allo stadio terminale (ESRD) o malattia renale allo stadio 5: cause, sintomi e trattamento

malattia renale allo stadio terminale (ESRD) è l'ultimo stadio della malattia renale (stadio 5) in cui i reni non possono più funzionare incapace di stare al passo con le necessità quotidiane del corpo. In questa fase, per il trattamento della malattia è necessaria la dialisi o un trapianto di rene.

Il ruolo dei reni è quello di filtrare i rifiuti dal sangue e dalle urine. Nella malattia renale, la capacità del rene di farlo diventa compromessa. A ogni stadio passante, la funzione renale diminuisce progressivamente, quindi i rifiuti non possono essere espulsi e si accumulano nel corpo.

Quelli con malattia renale allo stadio terminale hanno una funzione renale inferiore al 10%, il che significa che i reni funzionano a malapena o non funzionano affatto.

La funzione renale è misurata mediante velocità di filtrazione glomerulare (GFR). Nella fase 5, la GFR dei reni è inferiore a 15. Per confrontare, la GFR sana è superiore a 90.

Indurimento delle arterie o dell'arteriosclerosi: Studio studia i depositi di minerali nelle arterie ed esplora le opzioni di trattamento
Preeclampsia (tossiemia) fortemente legata all'ipertensione, al rischio di ictus e al rischio di malattie cardiache durante la gravidanza

Lascia Il Tuo Commento