Perché il colesterolo non è così male come pensi
Salute

Perché il colesterolo non è così male come pensi

Come società, stiamo lentamente diventando sempre più attento alla salute, e questa è sicuramente una buona cosa. È molto rassicurante vedere che, insieme ai progressi nella ricerca medica e nella tecnologia, stiamo sensibilizzando l'opinione pubblica sulle diverse condizioni, inclusa l'importanza di uno stile di vita sano. Con così tante informazioni là fuori, le persone stanno diventando più caute riguardo a che tipo di cibo mangiano, quanto mangiano e quanto spesso mangiano.

Naturalmente, quando parliamo di mangiare sano e consapevolezza della salute, il colesterolo arriva sempre. In realtà, il colesterolo è diventato una sorta di parolaccia, il cui pensiero ti fa rabbrividire. Ma il colesterolo è davvero così male? Scopriamolo.

Miti comuni sul colesterolo

Mito: il colesterolo è cattivo, punto. Non così veloce. Come probabilmente saprai, esistono due tipi di colesterolo: quello buono e quello cattivo. Chiaramente, il cattivo dovrebbe essere evitato, ma quello buono non è solo benefico, è effettivamente necessario per un funzionamento sano. Il colesterolo HDL previene i depositi di grasso nelle arterie e scorta il suo colesterolo LDL malvagio fratello fuori dal sistema. ( Il segreto italiano ti aiuta a prendere il controllo del colesterolo. )

Mito: non hai davvero bisogno di colesterolo. Come già detto, lo fai. Il nostro corpo utilizza il colesterolo per costruire membrane cellulari e per fare l'importantissimo estrogeno, testosterone, ormoni surrenali e persino vitamina D. Senza contare che l'efficienza del metabolismo dipende in parte dalla disponibilità di colesterolo.

Mito: le persone magre non dovrebbero preoccuparsi del colesterolo. È vero che se sei sovrappeso, hai maggiori probabilità di incontrare problemi di colesterolo. Tuttavia, le persone magre non sono immuni dai problemi di colesterolo. Questa falsa credenza secondo cui il colesterolo cattivo influisce solo sul sovrappeso porta molte persone normopeso a trascurare il loro colesterolo, solo per scoprire molto più tardi che i loro livelli sono troppo alti.

Mito: i geni non hanno niente a che fare col tuo colesterolo. Sì, i tuoi genetici hanno voce in molti aspetti della tua vita, compresi i livelli di colesterolo. Questo è particolarmente vero nel caso di colesterolo LDL (quello cattivo). Spesso, indipendentemente dal peso e anche dal tuo stile di vita, una storia familiare di colesterolo viene tramandata di generazione in generazione. Quindi, se alcuni dei tuoi parenti stretti si sono lamentati del colesterolo, controlla i tuoi livelli e aumenta il consumo di colesterolo buono. L'olio d'oliva, i fagioli, i frutti ricchi di fibre, le noci e l'avocado sono tutte ottime fonti di quel buon colesterolo. ( Perché mangiare cibi sani non sempre aiuta i trigliceridi alti. )
Mito: bassi livelli di colesterolo si traducono in una salute perfetta. Lontano da quello. Vedi, il colesterolo è difficile: troppo è chiaramente cattivo, ma anche troppo poco incantesimi. Numerosi studi hanno dimostrato che i livelli di colesterolo sotto 160 mg / dL possono aumentare il rischio di vari problemi di salute. Parli con il medico dei livelli più ottimali per la tua età e il tuo fisico.

Il colesterolo deve essere maneggiato con cautela, ma più capisci come funziona e cosa fa, meglio puoi bilanciare i tuoi livelli e supportare il tuo salute attraverso una dieta sana. Essere consapevoli dei tuoi rischi e mantenere i tuoi livelli sotto controllo ti darà tranquillità e un corpo sano anche.

Informazioni su malattie cardiache: dati e statistiche
Strange Tie Between Oral Health and Heart Infammation

Lascia Il Tuo Commento