Angina instabile causa comune di infarto: cause, sintomi, trattamento e prevenzione
Salute

Angina instabile causa comune di infarto: cause, sintomi, trattamento e prevenzione

Esistono tre tipi di angina : stabile, instabile e variante. Questo articolo si concentrerà principalmente sull'angina instabile, ovvero quando la placca nei vasi sanguigni rompe o forma un coagulo di sangue, riducendo improvvisamente o bloccando il flusso sanguigno. L'angina instabile non è alleviata dai comuni farmaci, piuttosto richiede un trattamento di emergenza.

Il sintomo principale dell'angina instabile è il dolore toracico severo, ma il dolore può verificarsi anche a spalle, collo, schiena e braccia. A differenza dell'angina stabile, i sintomi dell'angina instabile compaiono casualmente e l'individuazione della fonte del dolore può essere difficile. Ad esempio, il dolore da angina stabile si pone con attività vigorosa o sforzo fisico. Nell'angina instabile, il dolore e i sintomi possono comparire anche durante il riposo.

L'angina instabile è un segno che le arterie si restringono e che si ha un rischio più elevato di infarto. Se non trattata, l'angina instabile può provocare un infarto, insufficienza cardiaca o aritmia -che sono tutte condizioni pericolose per la vita

Prevalenza dell'angina instabile

Ogni anno, circa un milione Gli americani sono ospedalizzati a causa di angina instabile. Numeri simili sono probabili per coloro che non finiscono in un ospedale, spesso non riconosciuti o gestiti in regime ambulatoriale. Nonostante i progressi della medicina e il miglioramento dei tassi di sopravvivenza dopo infarto miocardico (MI), l'incidenza di angina è prevista in aumento nonostante le varie misure di prevenzione attualmente in vigore.

Secondo il Registro Globale degli Angina e la valutazione dei trattamenti (GARANZIA) , l'età media dei pazienti con angina instabile è di 62 anni, il 44% di questi pazienti ha più di 65 anni. Le condizioni di comorbilità che si presentano nei pazienti con angina instabile comprendono ipertensione (60%), diabete mellito (26%) e ipercolesterolemia ( 43%).

In media, le donne sono cinque anni più anziane rispetto agli uomini quando si presentano con angina instabile, con circa la metà delle donne con più di 65 anni.

Quali sono le cause e i fattori di rischio di angina instabile?

L'angina instabile risulta da un flusso di sangue ristretto al cuore, ad esempio quando una persona ha una malattia coronarica (CAD). Nel CAD, le arterie diventano strette a causa della formazione di placca, che è nota come aterosclerosi. Avere un alto colesterolo LDL o trigliceridi del sangue alto può contribuire all'aterosclerosi. Nell'angina instabile, la placca lungo le arterie può rompersi o formare un coagulo di sangue, riducendo ulteriormente il flusso sanguigno e scatenando i sintomi.

I fattori che contribuiscono all'angina instabile includono ipertensione, una dieta ricca di grassi e colesterolo alto, mancanza di esercizio fisico, fumo, diabete, vecchiaia e una storia familiare di angina o altre condizioni cardiache. Controllando questi fattori di rischio, è possibile prevenire meglio l'angina instabile o almeno meglio gestire la condizione se già diagnosticata.

I sintomi di angina instabile

I sintomi dell'instabile possono includere:

  • Dolore al petto
  • Sudorazione
  • Dispnea
  • Nausea
  • Vomito
  • Affaticamento
  • Vertigini
  • Improvvisa debolezza
  • Dolore che si irradia alla schiena, al collo, alla mascella, all'addome, alle spalle o alle braccia
  • I sintomi dell'angina si verificano a riposo, spesso diventa più grave e non risponde ai farmaci prescritti

Altre differenze nei sintomi di angina instabile rispetto all'angina stabile è che il dolore al petto inizia a sentirsi diverso, più grave, più ricorrente, dura più di 15-20 minuti, si verifica senza una causa, non risponde ai farmaci e appare con un calo della pressione sanguigna e mancanza di respiro

Diagnostica dell'angina instabile

Oltre ad un esame obiettivo, il medico eseguirà altri test per diagnosticare meglio l'angina instabile. Questi test comprendono esami del sangue per verificare la presenza di biomarcatori cardiaci (troponina) ed enzimi creatinchinasi (CK) che fuoriescono dal muscolo cardiaco danneggiato, un elettrocardiogramma per vedere i modelli nei battiti del cuore che indicano una riduzione del flusso sanguigno, un'ecocardiografia per produrre immagini del tuo cuore a verifica i problemi relativi all'angina, prove di stress per far lavorare di più il tuo cuore e rendere l'angina più facile da rilevare, angiografia tomografica computerizzata, angiografia coronarica e cateterismo cardiaco per studiare lo stato di salute e il calibro delle arterie.

Trattamento dell'angina instabile

Il trattamento dell'angina instabile dipende dalla gravità della condizione. Per i principianti, si può essere messo su un anticoagulante perché il sangue più spesso ha maggiori difficoltà passando attraverso le arterie strette. Potrebbero anche essere prescritti farmaci che prendono di mira il colesterolo, l'ansia, le aritmie e la pressione sanguigna.

Potrebbe essere necessario sottoporsi ad angioplastica, una procedura in cui i medici aprono le arterie bloccate - l'arteria viene tenuta aperta da uno stent

Anche i cambiamenti dello stile di vita possono fare molto per proteggere il tuo cuore in angina instabile. Questi includono una dieta sana, non fumare, esercitare, ridurre lo stress e perdere peso in caso di sovrappeso

A seconda dell'estensione del blocco delle arterie coronariche, può essere necessario l'uso di trattamenti più invasivi. Questo può includere l'uso dell'intervento coronarico percutaneo (PCI), una procedura che comporta l'apertura di un'arteria e la sua puntellatura con uno stent per migliorare il flusso sanguigno, o un intervento chirurgico di bypass con arteria coronaria, che comporta la raccolta di un'arteria da altre parti del corpo a innestare il cuore, bypassando l'arteria bloccata.

Prevenzione angina instabile

Attenersi alle abitudini di vita e ai cambiamenti sopra elencati è un buon modo per ridurre il rischio e prevenire l'angina instabile. Ulteriori informazioni su questi cambiamenti dello stile di vita, nonché altri suggerimenti che possono aiutare nella prevenzione dell'angina instabile, possono essere trovati sotto.

Smettere di fumare: Smettere di fumare ed evitare il fumo passivo è uno dei modi migliori per ridurre il tuo rischio di malattie cardiache.

Esercizio: Condurre uno stile di vita attivo può migliorare la salute del tuo cuore e dei tuoi vasi sanguigni, oltre a mantenerti in forma. Inizia aggiungendo un esercizio moderato alla tua routine per 30 minuti, almeno tre volte alla settimana.

Dieta sana per il cuore: Goditi una dieta bilanciata piena di cibi nutrienti come frutta, verdura e pesce, evitando l'eccesso di sodio, grassi trans, alcool e zuccheri.

Peso sano: Attraverso la dieta e l'esercizio fisico, raggiungere un peso sano e lavorare per mantenerlo. Essere a un peso sano riduce il rischio di malattie cardiache.

Gestire altri problemi di salute: Garantire che altre condizioni mediche siano gestite correttamente. Problemi di salute come diabete, ipertensione e colesterolo alto possono aumentare il rischio di subire un infarto se non sono gestiti correttamente.

Gestire lo stress: Lo stress può danneggiare la salute del cuore, quindi trovare modi sani di gestire e far fronte allo stress può ridurre il rischio di malattie cardiache. Allo stesso modo, la depressione può anche causare danni alla salute, quindi è importante cercare aiuto se si verificano sintomi in quanto possono influenzare la vostra salute fisica e mentale.

Quando vedere un medico

Si consiglia vivamente di cercare attenzione medica se si soffre di angina e si verifica uno dei seguenti sintomi:

  • Il dolore non migliora dopo cinque minuti di assunzione di nitroglicerina
  • Il dolore non scompare dopo tre dosi di nitroglicerina
  • Il dolore sta peggiorando
  • I ritorni del dolore dopo che la nitroglicerina inizialmente aveva aiutato

I seguenti sintomi non sono così preoccupanti ma dovrebbero essere portati all'attenzione del medico se:

  • I sintomi dell'angina si verificano più spesso
  • Avere angina quando si è seduti (durante il riposo)
  • Ti senti stanco più spesso
  • Ti senti stordito o svenuto
  • La frequenza cardiaca non è costante, o battendo troppo lentamente o troppo velocemente
  • Hai problemi a prendere i farmaci per il cuore
  • Stai avendo altri sintomi insoliti

Differenza tra angina stabile e instabile

Stabile e instabile l'angina può avere sintomi simili, ma la gravità di queste condizioni è diversa. L'angina stabile è meglio definita come disagio al torace e mancanza di respiro che si manifesta con sforzo o stress. Spesso si presenta in modo prevedibile e il dolore cessa quando smetti di esercitare te stesso o abbassa il livello di stress. Al contrario, l'angina instabile descrive l'insorgenza di pressione al torace e respiro affannoso che si verificano per la prima volta o per meno di due settimane. Questo dolore può verificarsi improvvisamente e accade senza sforzo. Il dolore è più grave e dura più a lungo rispetto all'angina stabile e potrebbe non cessare nemmeno con il riposo e l'uso di farmaci per l'angina. L'angina instabile deve essere trattata come un'emergenza e coloro che avvertono sintomi per più di 5 minuti che non si calmano con il riposo devono rivolgersi immediatamente al medico.

L'angina instabile è una condizione grave che deve essere curata da un cardiologo esperto. Saranno in grado di consigliarvi sui segni e sintomi più comuni a cui prestare attenzione, nonché su quando dovreste cercare un aiuto di emergenza. Il tuo muscolo cardiaco è importante per la tua sopravvivenza e dovrebbe essere curato al meglio delle tue capacità.

Il rimedio naturale aiuta a migliorare la vista
Rischio renale più alto nelle donne in post-menopausa sottoposte a trattamento con estrogeni a lungo termine

Lascia Il Tuo Commento