I migliori segni di rischio per il morbo di Alzheimer
Organi

I migliori segni di rischio per il morbo di Alzheimer

Quasi la metà degli americani sopra i 85 anni soffre di malattia di Alzheimer, quindi è ovvio che il il più grande fattore di rischio per lo sviluppo della malattia è l'invecchiamento. In alcune famiglie, si sono visti diversi casi in cui gli scienziati credono che esista un fattore ereditario per la malattia nota per aver derubato la gente della loro memoria.

Tutti noi soffriamo di oblio di volta in volta; tuttavia la malattia di Alzheimer va ben oltre, avendo un enorme impatto su tutto, dalla memoria e l'orientamento al giudizio, l'umore e la salute complessiva. Con il progredire della malattia, molti malati non riconosceranno nemmeno il proprio coniuge, i propri figli e nipoti. L'oblio è devastante per tutta la famiglia.

Fattori di rischio della malattia di Alzheimer

LETTURA CORRELATA: più sana e migliore di un caffè

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità 18 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di morbo di Alzheimer. Si prevede che questo numero aumenti entro il 2025, quindi una grande quantità di tempo e di energia è stata spesa per la scienza di questa orribile malattia.

Proprio come il lavoro è andato avanti per trovare modi per prevenire e curare il morbo di Alzheimer, i ricercatori sono stati scavando in profondità per scoprire i maggiori fattori di rischio. Quali sono le probabilità di perdere la memoria?

Il morbo di Alzheimer colpisce generalmente le persone di età pari o superiore a 65 anni. È vero che un gran numero di donne soffrono di malattia di Alzheimer. Ciò ha portato molte persone a credere che se sei una donna il tuo rischio è quindi più alto di quello di un uomo. In realtà è una questione di età. Poiché la malattia è generalmente associata all'età e alle donne vivono più a lungo, è ovvio che sembrerebbe che più donne soffrano della malattia.

Gli scienziati hanno esaminato una serie di fattori dello stile di vita durante l'esame del morbo di Alzheimer e di quello che hanno Scoperto è che alcuni dei fattori di rischio per le malattie cardiache potrebbero anche essere fattori di rischio per l'Alzheimer. Fumo, colesterolo alto, pressione alta, diabete e mancanza di attività fisica sono esempi.

Negli ultimi anni c'è stata molta discussione nella comunità medica sull'impatto della dieta sulla nostra funzione cerebrale. Ciò è dovuto al fatto che gli scienziati di tutto il mondo hanno esaminato attentamente la relazione tra cibo e morbo di Alzheimer. Molti ricercatori hanno concluso che le diete grasse potrebbero contribuire alla malattia. Immagina il cibo causando una dimenticanza devastante. Uno studio, pubblicato su Archives of Neurology, indica che una dieta che allontana i grassi e include frutta fresca, verdura, noci e olio d'oliva, invece, può portare a un 40% in meno di rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

Stimolazione mentale per la malattia di Alzheimer

Anche la stimolazione mentale permanente è stata esaminata a lungo. Alcuni studi indicano che una mancanza di stimolazione mentale potrebbe comportare un rischio maggiore di contrarre il morbo di Alzheimer in età avanzata. Questi studi suggeriscono che stimolare i lavori, le attività ricreative come la lettura e la musica, così come le frequenti interazioni sociali aiutano a sviluppare più connessioni cellula-cellula per proteggere il cervello dai cambiamenti legati all'età.

Il dibattito continua tra gli scienziati il trauma cerebrale non è un fattore di rischio per il morbo di Alzheimer. Alcuni ricercatori dicono che le lesioni cerebrali lasciano una persona vulnerabile agli effetti "neurocognitivi avversi" delle malattie legate all'età, mentre altri dicono che dobbiamo studiare se sia una combinazione di traumi e genetica che potrebbe portare all'Alzheimer. Gli scienziati stanno esaminando la relazione tra la malattia e il trauma grave associato a incidenti gravi, oltre a incidenti meno drammatici come lievi commozioni da incidenti sportivi.

Nel "sonno pallido" i nostri antenati dormivano meno ma senza disturbi del sonno
Cos'è l'infarto renale? Cause, sintomi e consigli per il trattamento

Lascia Il Tuo Commento