Tre tecnologie che migliorano la qualità della vita di chi ha problemi di vista, cecità
Salute

Tre tecnologie che migliorano la qualità della vita di chi ha problemi di vista, cecità

Febbraio è Il National Nation Awareness Month e National Eye Institute delineano cinque nuove tecnologie attualmente in fase di sviluppo per rendere più facile la vita a chi ha problemi di vista o cecità.

L'ipovisione è caratterizzata da difficoltà nell'eseguire compiti quotidiani anche dopo aver ricevuto un trattamento in forma di occhiali o contatti, farmaci o interventi chirurgici. Il tipo di perdita della vista può variare in base alla causa e può influenzare diversi aspetti della vita di un individuo.

Ad esempio, la perdita della visione periferica può essere dovuta al glaucoma e può influire sulla capacità di camminare e guidare, mentre la visione centrale la perdita può verificarsi a causa della degenerazione maculare legata all'età e rendere difficili le attività come leggere. Per aiutare coloro che vivono con ipovisione e cecità, i ricercatori stanno attualmente sviluppando tecnologie che possono essere utilizzate per semplificare alcune di queste attività. Continua a leggere per saperne di più su queste nuove innovazioni.

Canna co-robotica: Una canna cooperativa è attualmente in fase di sviluppo da parte del Dr. Chang Ye dell'Università dell'Arkansas, Little Rock per aiutare gli ipovedenti in manovra in casa. È disponibile una tecnologia basata su GPS esistente per aiutare le persone a trovare una posizione, ad esempio un edificio, ma non è utile per trovare e navigare in stanze specifiche all'interno di una struttura. Il bastone funziona fornendo feedback sull'ambiente dell'utente, usando una telecamera 3D e una punta a rullo motorizzata per guidare il bastone in avanti affinché l'utente possa seguirlo. Il bastone inoltre memorizza le planimetrie precaricate accessibili tramite il riconoscimento vocale, sebbene Ye spera di avere la canna in grado di scaricare le planimetrie di un edificio tramite Wi-Fi all'entrata.

Guanto robot: Dr. Stai anche lavorando su un guanto robotico per aiutare l'utente a localizzare e utilizzare piccoli oggetti e maniglie delle porte. Il guanto senza dita utilizza una fotocamera e il riconoscimento vocale per identificare un oggetto, quindi guida i movimenti della mano attraverso istruzioni tattili. Ad esempio, l'utente potrebbe pronunciare la parola "mug" e il guanto stimolerebbe i nervi della mano in uno schema distinto per guidare la mano verso la tazza e aiutarli a raccoglierlo correttamente.
Crosswalk App: Dr. James Coughlan e il suo team allo Smith-Kettlewell Eye Research Institute hanno creato un'app per utenti di smartphone che emette segnali acustici per aiutare l'utente a identificare un punto di incrocio e rimanere all'interno delle linee di un passaggio pedonale. Attraverso l'uso di GPS, visione artificiale e un sistema di informazioni geografiche, l'app è in grado di trovare la posizione in cui si trova l'utente, individuare i passaggi pedonali e i semafori e identificare se ci sono interruzioni nell'intersezione, come la costruzione o superfici irregolari. La combinazione di queste tecnologie può funzionare per guidare l'utente in modo sicuro attraverso il passaggio pedonale.

L'ipovisione e la cecità interessano 4,1 milioni di americani e queste nuove tecnologie sono solo tre dei molti in cantiere per aiutarli a svolgere le attività quotidiane in modo sicuro. Sebbene questi strumenti richiedano ulteriori test e sviluppo, offrono la speranza che compiti come attraversare la strada, navigare in una stanza e aprire una porta possano essere realizzati molto più rapidamente da chi è affetto da ipovisione e cecità.

Il software 3D significa grandi cose per i pazienti con dolore
Le immagini grafiche sui pacchetti di sigarette spingono i fumatori a smettere di

Lascia Il Tuo Commento