La ragione sorprendente che non si può perdere Peso
Salute

La ragione sorprendente che non si può perdere Peso

L'obesità è un problema che milioni di persone negli Stati Uniti devono sforzarsi di superare ogni giorno. Più del 35 per cento degli adulti negli Stati Uniti è obeso, ovvero 1 adulto americano su 3! L'obesità contribuisce a migliaia di morti ogni anno, e il costo medico dell'obesità nel paese è di $ 147 miliardi (dati del 2008).

Clicca qui per scoprire come puoi versare i chili in più.

Ma potrebbe? che l'obesità cominci dall'interno, e non dall'esterno?

Flora intestinale nello stomaco e nell'obesità

Un nuovo studio ha rivelato prove interessanti per collegare la flora intestinale dello stomaco e dell'intestino alle complicazioni mediche che ne derivano dall'obesità. La ricchezza dei batteri nell'intestino e nello stomaco influisce sul livello di suscettibilità a varie malattie causate dall'obesità, tra cui diabete, malattie cardiache e altro ancora. Questo collegamento potrebbe benissimo fornire informazioni su come combattere l'obesità e le malattie legate all'obesità.

Da tempo si sa che la flora intestinale che vive nello stomaco e nell'intestino è direttamente collegata alla salute generale - sia la salute dell'apparato digerente che quella immunitaria. Circa l'80% delle funzioni e dei processi del sistema immunitario si verificano nell'intestino. Ciò significa che la salute generale di una persona è in gran parte determinata dalla flora intestinale che vive nelle loro viscere.

L'obesità è stata solo recentemente collegata alla salute e alla ricchezza della flora intestinale. In uno studio che ha esaminato circa 300 soggetti danesi, 169 dei soggetti sono stati classificati come obesi, e 123 di loro non lo erano. Lo studio è stato in grado di determinare un risultato molto affascinante: le persone che avevano una ricchezza di flora intestinale sana erano meno suscettibili alle infiammazioni croniche e alle malattie legate all'obesità, mentre quelle che mancavano della flora intestinale sana avevano maggiori probabilità di sviluppare queste malattie.

È interessante notare che sia i soggetti obesi sia quelli non obesi sono stati inseriti in ogni categoria. Alcuni dei soggetti obesi avevano una ricchezza di flora intestinale che li rendeva meno propensi a sviluppare malattie legate all'obesità, mentre alcuni dei soggetti non obesi mancavano della flora intestinale - rendendoli più suscettibili alle malattie nonostante il loro non essere obesi.

Ovviamente, i soggetti obesi del gruppo privo di ricchi batteri intestinali avevano molte più probabilità di sviluppare condizioni cardiovascolari - come l'aterosclerosi, attacchi cardiaci e ictus - rispetto ai soggetti sani e non obesi. Ciò significa che la ricchezza dei batteri intestinali potrebbe determinare la salute futura di coloro che soffrono di obesità.

Il consorzio internazionale MetaHIT ha condotto la ricerca, con Jeroen Raes di VIB e Vrije Universiteit Brussel, che ha guidato la squadra. Raes ha affermato che i risultati del loro studio potrebbero avere enormi implicazioni per la prevenzione e il trattamento dell'obesità - un problema in aumento che è stato ora considerato un'epidemia.

Naturalmente, i risultati sono stati limitati e la comprensione della connessione tra la flora intestinale e l'obesità sono ancora agli inizi. Jeroen Raes ha fondato il Flemish Intestinal Flora Project per studiare ulteriormente la connessione tra l'obesità e la flora intestinale, con l'obiettivo di approfondire le conoscenze fornite da questo studio. Si spera che, con ulteriori ricerche, questi esperti saranno in grado di capire un po 'di più su come la flora batterica può aiutare a prevenire l'obesità e disturbi legati all'obesità.

Il farmaco sperimentale può portare a un trattamento più semplice della degenerazione maculare
Gravidanza Health News roundup 2015, ricerca sulla gravidanza, progressi della salute

Lascia Il Tuo Commento