Infarto splenico: cause, complicanze, sintomi, prognosi e trattamento
Salute

Infarto splenico: cause, complicanze, sintomi, prognosi e trattamento

Per capire completamente cos'è un infarto di milza, è importante conoscere il ruolo che la milza svolge nel corpo. La milza è un organo linfatico che si trova nel quadrante addominale superiore sinistro e la sua funzione principale è quella di filtrare e conservare i globuli rossi e produrre globuli bianchi in modo che il sistema immunitario funzioni normalmente.

È anche responsabile dell'eliminazione di microrganismi come i batteri che potrebbero causare infezioni in tutto il corpo e mettere a rischio la salute.

L'infarto di milza si verifica a causa di un blocco o della mancanza di una corretta circolazione sanguigna nella milza. I tessuti della milza muoiono a causa di insufficiente apporto di ossigeno, che viene in genere fornito attraverso il flusso sanguigno. Questo può influire negativamente su certe parti della milza o sull'intero organo a seconda della posizione esatta e dell'entità del blocco.

Le parti della milza che sono maggiormente colpite da blocco e insufficienza o mancanza di afflusso di sangue sono conosciute come infarti di milza. Il blocco è solitamente causato da accumulo di placca o coagulazione del sangue e questi sono indicatori di alcune malattie, infezioni in tutto il corpo o della milza sottoposti a trauma contusivo.

Alla fine, le parti della milza che sono colpite da questo sangue e ossigeno la privazione inizia a morire e la milza cessa di svolgere i suoi compiti, diventando inattiva.

Quali sono le cause dell'infarto di milza?

L'eziologia o le cause dell'infarto splenico includono quanto segue:

  • Diminuzione o completa mancanza di circolazione del sangue alla milza o parti della milza causate da un blocco estremo nell'arteria splenica o nei suoi dintorni. Questo può essere il risultato di un coagulo di sangue, un'infezione grave e diffusa, o della milza che soffre di un trauma da scarica diretta.
  • L'infezione da citomegalovirus, mononucleosi, malaria, babesiosi e disordini ereditari della coagulazione del sangue possono contribuire alla formazione di placca nel sistema che impedisce alla milza di ricevere una quantità sufficiente di sangue e ossigeno per mantenerla e mantenerla sana
  • Condizioni come fibrillazione atriale, valvole cardiache artificiali, endocardite, forame ovale ovale, trombo murale ventricolare e infezioni infarto miocardico che sono legati al virus dell'HIV possono causare un coagulo di sangue esistente che si è formato in una parte del corpo per diffondersi ad altri organi, inclusa la milza. Ciò si tradurrà in infarto splenico.
  • I seguenti fattori possono anche creare enormi e dannose interruzioni nel normale flusso sanguigno alla milza e altri organi: disturbi ematologici benigni, contraccettivi orali, lupus anticoagulanti, trombosi venosa idiopatica, sottoposti a terapia con eritropropene, emoglobinopatie falciformi e policitemia
  • Le malattie falciforme che provocano infarti splenici possono anche portare a una milza inattiva o non funzionante, nota come autosplenectomia.
  • Dissezione aortica, forze smussate alla sezione addominale, torsione della splenica arteria e compressione dell'arteria splenica causata da un tumore possono indebolire l'arteria splenica e inevitabilmente portare a infarto splenico.
  • Complicazioni a seguito di procedure vascolari o chirurgia cardiaca
  • Coagulazione intravascolare diffusa o vasculite
  • Alcuni farmaci come i vasocostrittori può aumentare la propensione al corpo a sviluppare trombosi o vasospasmi, che portano entrambi a infa splenica rztion.
  • Granulomatosi e poliangioite sono entrambe condizioni gravi che possono interrompere o interrompere il flusso di sangue a vari organi, compresa la milza.
  • La malattia vascolare del collagene e le malattie autoimmuni possono anche avere lo stesso effetto del corpo che erroneamente istruisce gli anticorpi attaccare cellule e tessuti sani che esistono all'interno degli organi e promuovere la normale funzionalità.
  • Trombosi venosa, amiloidosi, pancreatica, sarcoidosi, sindrome del pancreas e sindrome da shock tossico postpartum sono anche noti colpevoli.
  • Cause mediche di splenomegalia
  • Alcune procedure chirurgiche come trapianti di fegato e pancreatectomia anche

Complicazioni di infarto splenico

Complicazioni di infarto splenico grave possono richiedere un intervento chirurgico, che viene spesso utilizzato come ultima risorsa dalla maggior parte dei medici. In genere, la chirurgia laparoscopica, nota anche come chirurgia mini-invasiva, viene implementata per rimuovere l'intero organo o solo le parti dell'infarto per prevenire ulteriori infezioni.

Le complicanze correlate all'infarto splenico includono:

Ascesso splenico

  1. Questo è in genere il risultato di infarti splenici causati da batteri nocivi.
  2. I sintomi includono dolore nella zona addominale superiore, irradiazione o dolore alla spalla, lieve o estrema dolorabilità nell'addome superiore, dolore nella parte sinistra della parte inferiore torace, vomito, nausea, febbre o una combinazione di tutti i precedenti.
  3. Se non trattato, un ascesso splenico può portare alla sepsi quando i batteri si infiltrano nel sangue e si diffondono efficacemente ad altri organi, tessuti e cellule in tutto il corpo, infettandoli tutti. La sepsi non trattata e non diagnosticata può portare a shock settico, che è caratterizzato da sintomi come diminuzione della capacità o delle funzioni mentali e estrema ipotensione.

Spleen

  1. Una milza non traumatica rotta è difficile da diagnosticare a partire dal pipistrello perché condivide molti degli stessi sintomi di appendicite, pancreatite acuta e attacchi di cuore.
  2. Di conseguenza, spesso viene diagnosticata erroneamente fino a quando non progredisce e diventa più problematica.
  3. Il sintomo più comune di rottura della milza è il dolore intenso addome superiore sinistro e questo può eventualmente diffondersi alla spalla sinistra.
  4. Ipotensione e tachicardia sono anche sintomi abbastanza comuni di rottura della milza, e questi possono indicare shock emorragico.

Quali sono i sintomi di infarto splenico?

I tipi e l'intensità dei sintomi di infarto splenico che i pazienti possono sperimentare generalmente dipendono dalla gravità e dall'estensione della condizione, nonché dalla causa esatta che ne deriva. Tieni presente che nei casi lievi, questa condizione può essere completamente asintomatica e molti di questi sintomi sono anche comuni tra altre malattie, il che rende molto difficile per i medici diagnosticare con precisione.

Questi possono includere uno, tutti o una combinazione dei seguenti segnali di pericolo:

  • Dolore addominale in alto a sinistra
  • Dolore al fianco sinistro
  • Dolore al petto
  • Tachicardia - una condizione in cui la frequenza cardiaca accelera a un ritmo molto più rapido rispetto alla normale frequenza di riposo ( qualsiasi cosa su una frequenza cardiaca a riposo di 100 battiti al minuto è considerata eccessiva e una potenziale causa di preoccupazione)
  • Distensione addominale -accumulo di gas o liquido nell'addome che lo fa sporgere verso l'esterno ben oltre la normale circonferenza lo stomaco
  • Diminuzione delle funzioni mentali o dell'insorgenza di malattie mentali a seguito di possibile shock settico
  • Febbre e brividi associati a nausea e vomito

Diagnosi di infarto splenico

Come accennato, l'infarto splenico è incredibilmente difficile da rilevare e diagnosticare in base alla presentazione dei sintomi da solo; a volte anche radiologia infartuale splenica o radiografia possono non mostrare immagini sufficienti o accurate dei segni.

La diagnosi di infarto splenico prevede un processo in più fasi che include le seguenti pratiche:

  • Esame medico approfondito e storia del paziente a garantire la diagnosi più accurata e trattamenti successivi
  • Quindi viene eseguita una scansione TC per confermare la pre-diagnosi
  • Il medico cercherà di determinare la fonte del coagulo di sangue
  • Viene eseguito un esame emocromocitometrico completo (CBC) per verificare che il flusso sanguigno funzioni come dovrebbe
  • Pannello metabolico completo (CMP)
  • Risonanza magnetica (MRI)
  • Angiografia

Prognosi e trattamento dell'infarto splenico

Spesso, un infarto splenico è un'indicazione di un problema medico potenzialmente più grave che può affliggere il corpo. Con questo in mente, il punto principale del trattamento è identificare il problema medico di base e rimediarlo efficacemente il più rapidamente possibile.

Di conseguenza, non esiste un metodo di trattamento specifico che possa essere applicato per curare l'infarto splenico. I medici trascorrono molto tempo osservando i loro pazienti e i sintomi che stanno vivendo come mezzo per identificare meglio la causa fondamentale e la fonte dell'infarto splenico. Inoltre somministrano forti antidolorifici per assicurare che il processo di trattamento sia il più indolore e confortevole possibile per il paziente.

Una splenectomia (procedura chirurgica in cui viene rimossa la porzione infartuata della milza o l'intera milza) un metodo di trattamento di ultima istanza se il danno è sostanziale al punto in cui non vi è alcuna possibilità di curarlo o di guarirlo. Questo di solito accade solo quando le complicanze si verificano come risultato diretto di infarto splenico poiché la rimozione della milza aumenta notevolmente il rischio di gravi infezioni che si verificano in tutto il corpo.

La prognosi dell'infarto splenico dipende in gran parte dalla causa fondamentale della condizione. Nei casi lievi in ​​cui sono presenti o ovvi pochissimi o nessun sintomo, le probabilità di sopravvivenza sono molto più alte in quanto questo di solito significa che il disturbo fisico sottostante molto probabilmente non è così grave o non ha progredito fino a diventare non trattabile o fatale.

A volte, l'infarto splenico è intenzionalmente indotto come metodo di trattamento per altri disturbi medici come ipertensione portale o danni alla milza. Detto questo, se si soffre di una specifica condizione medica o di una malattia che aumenta il rischio di subire un infarto di qualsiasi tipo, in particolare la milza, è importante che si cerchi immediatamente il trattamento poiché la condizione potrebbe peggiorare rapidamente.

Inizialmente, il medico ti manterrà sotto costante supervisione per garantire che possano identificare la condizione causativa e stabilizzarla o trattarla prima che diventi completamente non trattabile o inutilizzabile. Molte di queste condizioni possono rapidamente diventare fatali, quindi l'individuazione e la diagnosi precoci sono indispensabili per una prognosi ottimistica.

Rischi metabolici della menopausa: istruzione, reddito, peso ed esercizio
Rischio di insufficienza cardiaca abbassato e prevenuto con diabete

Lascia Il Tuo Commento