Dormire in posizione laterale può aiutare a ridurre le possibilità di sviluppare Alzheimer, morbo di Parkinson
Organi

Dormire in posizione laterale può aiutare a ridurre le possibilità di sviluppare Alzheimer, morbo di Parkinson

Ottenere una buona notte di sonno è importante se vogliamo essere produttivi e felici. I nostri corpi ci hanno raccontato questo per anni e così hanno innumerevoli studi sul sonno. Ora stiamo imparando che non è solo la qualità del sonno che riceviamo che è vitale per il nostro benessere, ma anche le posizioni del sonno che scegliamo.

Secondo le ultime ricerche, dormire dalla nostra parte - al contrario del nostro schiena o stomaco - potrebbe essere una posizione più salutare per il nostro cervello. Dormire sul lato permette al nostro cervello di eliminare i rifiuti mentre stiamo riposando.

I ricercatori della Stony Brook University hanno usato una risonanza magnetica per monitorare ciò che viene chiamato il cervello via glicinfatica. Questo è il sistema che elimina i nostri cervelli. I ricercatori hanno scoperto che questo sistema funziona meglio quando le persone dormono sui loro lati. I neurologi dicono che i rifiuti cerebrali possono includere proteine ​​che costituiscono la placca legata alla malattia di Alzheimer. Ciò significa che lo stile di sonno potrebbe essere un fattore nello sviluppo di tali malattie neurologiche.

Il processo di pulizia del cervello elimina i rifiuti quando il liquido cerebrospinale (CSF) filtra attraverso il cervello e si scambia con il fluido interstiziale (ISF). Questo processo è simile al modo in cui il sistema linfatico del corpo pulisce i rifiuti dai nostri organi, ed è più efficiente mentre dormiamo.

La buona notizia è che la maggior parte degli esseri umani dorme dalla loro parte. è stato suggerito che ci siamo adattati naturalmente alla posizione dormiente laterale per eliminare i prodotti di scarto cerebrale che si accumulano mentre siamo svegli. I ricercatori ritengono che lo studio aggiunga maggiore sostegno all'idea che il sonno funge da funzione biologica per "ripulire il disordine" che si sviluppa mentre siamo svegli.

Malattie cerebrali legate a posizioni di sonno

Molto è stato scritto su il legame tra le difficoltà del sonno e la perdita di memoria in malattie come la demenza, l'Alzheimer e il Parkinson. La malattia di Alzheimer è un disturbo cerebrale irreversibile e progressivo che distrugge lentamente le capacità di memoria. La malattia di Parkinson è una malattia del cervello che porta a rigidità, tremori e difficoltà nel camminare e nell'equilibrio.

Lo studio neurologico condotto dal team della Stony Brook University era in realtà uno studio sugli animali, quindi il prossimo passo è condurre un studio umano.

In questo momento, oltre cinque milioni di americani hanno il morbo di Alzheimer. Purtroppo, l'American Alzheimer's Association prevede che il numero triplicherà fino a 16 milioni entro il 2050. La malattia di Parkinson colpisce un milione di americani, con almeno 60.000 nuovi casi all'anno.

In che modo le posizioni del sonno possono influenzare la salute

Posizione di sonno: indietro

Dormire sulla schiena è la posizione migliore per riposare adeguatamente. Il dorso della schiena mantiene la schiena, il collo e la colonna vertebrale in una posizione neutra, migliorando l'allineamento del corpo, soprattutto se si è inclini a dolori alla schiena, rigidità o altri problemi alla schiena. La posizione posteriore è anche un bene per la circolazione al cervello e prevenire il reflusso acido. Quando la testa è sollevata (si raccomanda un unico cuscino gonfio), lo stomaco si trova sotto l'esofago, quindi l'acido o il cibo non possono tornare indietro. Mentre è meglio evitare cibi che irritano o causano reflusso acido, questa è una tecnica rassicurante.

Hai sentito parlare del termine "sonno di bellezza?" Il dormiente ha il vantaggio quando si tratta di prevenzione delle rughe, semplicemente perché niente sta spingendo contro la tua faccia durante la notte, creando quelle ammaccature e pieghe. Anche i seni possono trarre beneficio dal sonno notturno, mantenendolo vivace grazie al supporto completo per tutta la notte.

Posizione di riposo: dalla tua parte

Traversine laterali, fa bene a te! Accanto alla parte posteriore, dormire in questa posizione è un bene per la tua salute generale e ti permette di cucire con il tuo partner mentre vai alla terra. Ancora meglio, dormire sul lato sinistro, che aiuta ad alleviare il bruciore di stomaco e il reflusso acido. Il sonno laterale riduce il russare. Inoltre, dormire sul lato sinistro è la posizione migliore durante la gravidanza. Aumenta la circolazione al cuore, quindi è anche una spinta per il bambino. Le donne incinte non dovrebbero dormire sulla schiena a causa della pressione extra e del peso che mette sulla colonna vertebrale.

Posizione di riposo: arricciata nella posizione fetale

Ritirarsi nella posizione fetale, con le ginocchia tirate in alto e il mento infilato nel petto può sembrare la coperta di massima sicurezza, ma non è così buono per la salute. Limita la tua respirazione diaframmatica profonda e mette sotto pressione gli organi, per non parlare della colonna vertebrale. Le persone con una schiena o articolazioni artritiche sentiranno solo più irritazione. Un po 'di raddrizzamento può aiutare a far funzionare meglio questa posizione per te. In posizione fetale, le rughe del viso saranno aggravate, anche se il russamento potrebbe migliorare.

Posizione addormentata: Sul tuo stomaco

Non buono, non buono! Dormire a pancia in giù fa male alla schiena. Girare il collo e la faccia di lato tutta la notte sul cuscino causerà dolori e dolori e ulteriore disagio. Aumenta la pressione sui muscoli e sulle articolazioni che possono generare palle di neve dai nervi irritanti, provocando intorpidimento e formicolio.

La controfacciatura mantiene le vie respiratorie superiori più aperte. Quindi se russi e non soffri di dolori al collo o alla schiena, va bene provare a dormire in questa posizione.

Altri problemi di salute legati alle posizioni del sonno

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riportano che 30 la percentuale di americani ha cattive abitudini di sonno. Molte persone si girano e girano tutta la notte. Anche se questa non è una routine salutare - il cattivo sonno è stato associato a obesità, malattie cardiache, diabete e perdita di memoria, come menzionato sopra - ci sono anche altri problemi di salute che sono stati collegati a certe posizioni del sonno.

Mentre dormi su le nostre parti possono aiutare a ripulire i rifiuti, c'è stato molto dibattito su quale lato è meglio. Alcuni esperti di disturbi del sonno suggeriscono che dormire sul lato sinistro non fa bene al fegato, ai polmoni o al cuore a causa della pressione inutile che questa posizione esercita su questi organi.

Il cuore ha ricevuto la massima attenzione quando si tratta di dormire. Sebbene non vi siano prove chiare che suggeriscano che dormire sul lato destro è meglio se si è generalmente in buona salute, è stato dimostrato che le persone con problemi cardiaci cronici fanno meglio a dormire sul lato destro, invece che a sinistra. Gli studi hanno indicato che sdraiarsi sulla destra riduce la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, che è particolarmente utile quando si tratta di malattie cardiache. Solo esattamente perché questo accade è ancora sotto inchiesta. Tuttavia, alcuni ricercatori medici sospettano che quando il lato destro è giù, il cuore è in una "posizione superiore", rendendo molto più facile pompare il sangue.

Gli specialisti del sonno stimano che trascorriamo un terzo della nostra vita dormendo, quindi dare un'occhiata alle attuali posizioni del sonno e le possibili implicazioni sulla salute non è una cattiva idea per tutti noi. La National Sleep Foundation e molti chirurghi ortopedici ci dicono che l'80% della popolazione avrà problemi alla schiena o al collo ad un certo punto della nostra vita, spesso a causa del modo in cui dormiamo.

La nicotina somministrata indipendentemente dal tabacco può scongiurare il Parkinson o il morbo di Alzheimer
Perché l'allenamento della forza è importante per le persone con malattia di Parkinson

Lascia Il Tuo Commento