La ricerca spiega perché le donne diventano sterili con l'età
Salute

La ricerca spiega perché le donne diventano sterili con l'età

Arriva un momento per ogni donna quando deve decidere se vuole o meno avere figli, dato che la fertilità delle donne diminuisce con l'età fino a menopausa. Questo è spesso visto come un fatto crudele della natura, con il più scientifico dei ragionamenti dietro i fenomeni di diminuzione degli ormoni femminili con l'età. Tuttavia, i ricercatori del Centro di ricerca dell'ospedale dell'Università di Montreal (CRCHUM) hanno scoperto una possibile nuova spiegazione per l'infertilità femminile.

La ricerca nei topi e l'uso di tecniche di microscopia all'avanguardia hanno permesso a questi scienziati di osservare per la prima volta un

"Abbiamo scoperto che i microtubuli che orchestrano la segregazione cromosomica durante la divisione cellulare si comportano in modo anomalo negli ovuli più anziani, invece di assemblare un fuso in un ambiente controllato. In modo simmetrico, i microtubuli vanno in tutte le direzioni.Il movimento alterato dei microtubuli sembra contribuire agli errori nella segregazione cromosomica, e quindi rappresenta una nuova spiegazione per l'infertilità legata all'età ", ha dichiarato il ricercatore di CRCHUM e professore dell'Università di Montreal Greg FitzHarris.

La conoscenza attuale ci insegna che le femmine nascono con un numero fisso di uova, rimanendo dormienti fino alla pubertà, dove poi b egin per rilasciare un singolo uovo per ciclo mestruale. È noto che oltre i 35 anni la fertilità diminuisce significativamente, portando le donne anziane ad avere problemi a rimanere incinte, a mantenere gravidanze a pieno termine e a sperimentare un aumento del rischio di aborto spontaneo.

I ricercatori ritengono che un difetto nelle uova delle femmine li causi avere un numero anormale di cromosomi, le cosiddette uova aneuploidi. Credono che questo sia un evento comune con l'età perché la "colla" che tiene insieme i cromosomi funziona male nelle uova più vecchie - questo è noto come l'ipotesi della perdita di coesione.

Ciò porta i ricercatori a esporre l'esistenza di un altro problema : difetti nei microtubuli che causano mandrini difettosi che contribuiscono a un tipo specifico di errore di segregazione cromosomica. I microtubuli sono minuscole strutture cilindriche che si organizzano per formare un fuso e sono coinvolte nel raccogliere e ordinare i cromosomi al momento della divisione cellulare e quindi inviarli alle loro rispettive aree durante il processo chiamato segregazione cromosomica. Nei topi è stato osservato che circa il 50% delle uova in altre femmine ha un fuso con dinamica di microtubuli caotici.
Lo studio è stato condotto utilizzando topi considerati giovani (6-12 settimane di età) e vecchi (60 settimane di età) usando una serie di micromanipolazioni sulle uova di ciascuna. Lo hanno fatto scambiando i nuclei delle uova giovani con quelli delle uova vecchie e osservando eventuali problemi sorti. Quello che hanno scoperto è che i problemi si sono verificati nelle uova vecchie contenenti un nucleo giovane solidificante che l'età materna influenza l'allineamento dei microtubuli indipendentemente dall'età dei cromosomi contenuti nei nuclei di ciascun uovo, secondo Shoma Nakagawa, un ricercatore postdottorato presso il CRCHUM e l'Università di Montreal.

I ricercatori sperano che questa nuova informazione sulla biologia della infertilità femminile ispirerà nuovi metodi di trattamento da sviluppare, aiutando le donne a rimanere incinta e portando a termine una gravidanza. Potrebbe non essere in qualunque momento presto, tuttavia, poiché saranno necessari molti anni di ricerca, ma avere questa base di conoscenza precisa della divisione cellulare alla fine consentirà allo scienziato di correggere questi errori.

"Stiamo attualmente esplorando possibili trattamenti per le uova quello potrebbe un giorno rendere possibile invertire questo problema e ringiovanire le uova ", ha spiegato FitzHarris.

Prevenire cadute e fratture aumentando l'assunzione di vitamina D
Diagnosi precoce della malattia renale cronica (CKD) possibile con nuovi marcatori del sangue

Lascia Il Tuo Commento