L'inquinamento è molto più dannoso di quello che pensavi
Salute

L'inquinamento è molto più dannoso di quello che pensavi

Se hai difficoltà a respirare ea volte dolore acuto al petto, allora potrebbe essere possibile che l'aria nel tuo ambiente possa essere di scarsa qualità. L'inquinamento atmosferico è generalmente descritto come aria contaminata da vari tipi di particelle che provengono dalle fabbriche e dagli scarichi dei veicoli. Immagina il tipo di aria presente in un'area che è spesso afflitta da traffico intenso. I veicoli bloccati vengono spesso lasciati al minimo per alcuni minuti nello stesso punto e quindi un'enorme quantità di gas di scarico viene depositata nell'aria. È possibile che l'inalazione cronica di aria inquinata possa alla fine provocare un dolore acuto al torace o un forte dolore durante la respirazione.

Inquinamento e salute cardiovascolare

Il traffico veicolare e l'accumulo di particelle di gas di scarico sono stati fortemente associati varie malattie cardiovascolari e respiratorie. Queste particelle di scarico sono così piccole che hanno la capacità di entrare nei nostri corpi quando respiriamo aria inquinata, causando infiammazione delle cellule respiratorie e possibilmente dolore durante la respirazione. Inoltre, queste particelle di scarico sono costituite da piccoli nuclei di carbonio rivestiti con diverse molecole organiche e metalli pesanti. L'ingresso di queste particelle estranee nel nostro sistema respiratorio può quindi essere dannoso per l'organismo. Oltre a innescare il nostro sistema immunitario per rispondere alla potenziale infiammazione delle cellule dell'apparato respiratorio, è possibile che il dolore acuto che a volte sentiamo quando all'aperto possa essere causato da inquinanti atmosferici. Il dolore è di solito una sensazione molto spiacevole, che spesso ci impedisce di svolgere le nostre attività di routine.

L'effetto dell'inquinamento sul sistema respiratorio

Secondo un recente rapporto medico pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, l'ingresso delle particelle di scarico nelle cellule del sistema respiratorio innesca una cascata di reazioni biochimiche che generano infiammazione e, potenzialmente, dolore durante la respirazione. Queste reazioni biochimiche nelle cellule epiteliali respiratorie inducono la produzione di ioni di calcio, che fungono da messaggeri ad altre cellule dell'apparato respiratorio. Sfortunatamente, la produzione continua di ioni di calcio può anche indurre in modo anomalo altre reazioni chimiche, che a loro volta aumentano le probabilità di sviluppare malattie respiratorie. Uno di questi risultati finali è la malattia polmonare ostruttiva cronica, che è caratterizzata dall'infiammazione delle cellule polmonari. L'infiammazione causa difficoltà nella respirazione ed è in gran parte accompagnata da un forte dolore al petto durante l'inalazione.

È comune per noi pensare che un forte dolore al petto sia causato da un attacco di cuore. È importante cercare l'assistenza medica immediata per determinare la causa effettiva del dolore. Nel caso delle malattie respiratorie, i test di ecocardiografia spesso generano risultati negativi perché questa procedura diagnostica si basa principalmente sulla rilevazione di problemi relativi al cuore. Tuttavia, test medici più estesi per il sistema respiratorio, compreso un esame fisico generale effettuato da un medico e una radiografia del torace, possono aiutare a determinare se il dolore è dovuto a una malattia respiratoria.

Questo recente rapporto medico affronta il meccanismo che collega le malattie respiratorie e l'inquinamento atmosferico. Sebbene l'associazione tra queste due entità sia stata riconosciuta da tempo, i dettagli sulle cause dell'infiammazione delle cellule polmonari e il forte dolore durante la respirazione sono rimasti inafferrabili per decenni. Per anni, tutto ciò che sapevamo era che l'inquinamento atmosferico causa problemi respiratori, che sono spesso descritti come dolore e infiammazione nei polmoni.

L'effetto dell'inquinamento sul dolore

Il rapporto fornisce quindi informazioni su come esattamente piccole particelle inquinate l'aria può generare specifiche reazioni chimiche all'interno delle cellule respiratorie che portano a dolore acuto o dolore al petto. Inoltre, sono state identificate proteine ​​specifiche nella risposta alle particelle di scarico, causando probabilmente il dolore acuto durante la respirazione. I ricercatori hanno ipotizzato che la produzione di alcune proteine ​​durante un'infiammazione è una risposta del corpo per proteggersi dalle particelle estranee. È anche importante capire che l'insorgenza di dolore in qualsiasi parte del nostro corpo è un segno che può essere presente un'infiammazione. Le malattie respiratorie sono state a lungo considerate anche come gravi condizioni mediche che sono spesso correlate a dolore acuto durante la respirazione, probabilmente causato da una disfunzione nell'espansione dei polmoni durante l'assunzione di aria, o dalla trasmissione di molecole di ossigeno al resto del corpo.

Il referto medico impiegava cellule epiteliali delle vie aeree umane che venivano coltivate in laboratorio, un metodo comune impiegato nella ricerca per rappresentare la parte reale e specifica del corpo umano. Sarebbe quindi interessante apprendere nel prossimo futuro se gli stessi risultati potrebbero essere determinati in pazienti reali affetti da gravi malattie respiratorie causate dall'inquinamento atmosferico. Per ora, le informazioni sul legame tra l'infiammazione delle cellule respiratorie e gli inquinanti atmosferici sono più chiare, consentendo così ai ricercatori di avere maggiori opportunità di identificare modi per prevenire lo sviluppo di dolore acuto durante la respirazione. Il dolore associato alla respirazione può anche essere alleviato attraverso la prescrizione di farmaci che potrebbero potenzialmente indirizzare la causa specifica della malattia respiratoria.

Non lasciare che i cambiamenti stagionali ti mettano a rischio
Mese del cuore americano: cuore ingrandito, rischio di attacco cardiaco, rapporto cuore-sonno, rapporto colesterolo

Lascia Il Tuo Commento