Le planimetrie open-concept promuovono l'eccesso di cibo
Salute

Le planimetrie open-concept promuovono l'eccesso di cibo

Sulla scia della crescente popolarità di open-concept residenziale piani, i ricercatori hanno voluto indagare se un accesso più facile alla cucina gioca un ruolo nelle abitudini alimentari delle persone. I risultati suggeriscono che i piani aperti possono effettivamente promuovere l'eccesso di cibo.

Il coautore dello studio Kim Rollings ha detto, "Le planimetrie della cucina-sala da pranzo aperta rimuovono le barriere visive e fisiche tra gli esseri umani e il cibo. I nostri risultati suggeriscono che le persone possono mangiare di più in una sala da pranzo con vista diretta e accesso all'area di servizio, rispetto a uno spazio da pranzo separato. "

Lo studio ha osservato le abitudini alimentari di 57 studenti universitari che hanno completato due sessioni dinning al Cornell's Laboratorio di alimenti e marchi. Gli studenti sono stati serviti in stile buffet. Per un pasto, gli studenti avevano una vista diretta e l'accesso al cibo, e nell'altra esperienza, c'erano due schermi pieghevoli che separavano la sala da pranzo e l'area del cibo.
Gli studenti nello spazio aperto avevano più probabilità di tornare indietro e prendi più cibo, calcolando il 10 percento di porzioni in più, rispetto a quelle del regime alimentare chiuso. Ogni volta che i partecipanti salivano per avere più cibo aggiungevano 170 calorie al pasto.

Rollings added, "Al fine di ridurre il consumo di cibo, i risultati suggeriscono che le aree di servizio dovrebbero essere poste fuori dalla vista dei commensali. I commensali possono anche scegliere di mangiare in aree di fronte o separate da aree di servizio a buffet. "

I ricercatori suggeriscono che la rielaborazione di layout di cucine e ristoranti potrebbe anche aiutare con il problema dell'obesità infantile. case e ristoranti per ridurre il consumo di calorie in più.

I probiotici possono alleviare i sintomi di allergia: Studio
La connessione tra prodotti lattiero-caseari e rischio di ictus

Lascia Il Tuo Commento