Gli adulti obesi più anziani traggono beneficio dall'esercizio fisico a intensità moderata: studio
Salute

Gli adulti obesi più anziani traggono beneficio dall'esercizio fisico a intensità moderata: studio

L'obesità è un crescente epidemia negli Stati Uniti. Quasi 78 milioni di adulti e 13 milioni di bambini lottano con il loro peso ogni giorno, spesso perdendo l'autostima e provando angoscia emotiva. L'obesità aumenta il rischio di diabete, malattie cardiache e persino alcuni tipi di cancro. Sebbene la genetica abbia avuto un ruolo nell'accumulo eccessivo di grasso, la maggior parte dei casi di obesità è dovuta a diete squilibrate. Il numero di calorie consumate rispetto alla quantità bruciata è gravemente sproporzionato a causa di eccesso di cibo combinato con inattività fisica.

L'obesità comporta più rischi in età avanzata

Questa lotta con i chili in eccesso impedisce alle persone di essere in grado di fare le cose più elementari, come camminare, stare in piedi per periodi prolungati o anche respirare normalmente. L'obesità può avere un impatto maggiore anche sugli anziani. Si stima che oggi quasi 13 milioni di adulti di 65 anni siano obesi. Dover portare il peso in eccesso ad età più avanzate è fortemente associato allo sviluppo della disabilità motoria maggiore (MMD).

La disabilità motoria maggiore è definita come l'incapacità di camminare 400 metri - circa un quarto di miglio - senza sedersi e senza l'aiuto di l'uso di un deambulatore o di un'altra persona.

Questi adulti obesi possono sentirsi scoraggiati quando pensano di perdere il loro eccesso di peso, ma secondo una nuova ricerca, anche l'esercizio a intensità moderata può migliorare la loro capacità di svolgere attività quotidiane comuni, preservando la loro indipendenza.

"L'incapacità di percorrere un quarto di miglio è una proxy per le attività quotidiane comuni, come l'incapacità di camminare per un isolato nel quartiere o di percorrere diversi isolati per andare in un negozio. il disturbo può davvero influenzare la qualità della vita e l'indipendenza degli anziani, ma abbiamo dimostrato che l'esercizio moderato era un modo sicuro ed efficace per ridurre tale rischio anche nelle persone gravemente obese ", ha detto lo studio autore principale, Stephen Kritchevsky, Ph.D., direttore del Centro Sticht per l'invecchiamento sano e prevenzione del morbo di Alzheimer a Wake Forest Baptist.

Un po 'di esercizio fa molto>

Lo studio in questione ha analizzato i dati di una grande clinica prova che consisteva in 1.635 uomini e donne sedentari di età compresa tra i 70 e gli 89 anni. I partecipanti sono stati inseriti casualmente in un programma di attività fisica di intensità moderata o in un programma di educazione sanitaria per verificare se il programma di attività fisica ridurrebbe il tasso di MMD rispetto al programma di educazione.

Il gruppo di attività fisica aveva l'obiettivo di camminare a intensità moderata per 30 minuti e di eseguire 10 minuti di allenamento per la forza degli arti inferiori con pesi alla caviglia. Hanno anche eseguito 10 minuti di allenamento dell'equilibrio. Tutti questi esercizi sono stati svolti in un'unica sessione.

Il programma di formazione ha coinvolto seminari di gruppo di persona focalizzati su argomenti relativi all'età come nutrizione, sicurezza e problemi legali / finanziari.

Partecipanti con un BMI di 35 o al di sopra e facevano parte del gruppo di attività fisica visto una riduzione del rischio di MDD del 31%.

I ricercatori sperano che con questi risultati le persone morbosamente obese si sentano bene sapendo che ci sono alcuni benefici dall'essere attivi quanto possono essere

Salute del tratto urinario e della vescica: effetti dell'invecchiamento e dell'incontinenza
Mele come alimento sano

Lascia Il Tuo Commento