L'apnea ostruttiva del sonno è associata a ridotta capacità di esercizio, scarsa capacità aerobica
Organi

L'apnea ostruttiva del sonno è associata a ridotta capacità di esercizio, scarsa capacità aerobica

Apnea ostruttiva del sonno (OSA) è associata a ridotta capacità di esercizio e scarsa forma fisica aerobica. I risultati provengono dalla University of California, San Diego School of Medicine, dove i ricercatori hanno scoperto che i pazienti con apnea del sonno bruciano intrinsecamente più ossigeno durante l'attività fisica, rispetto a quelli che non hanno il disturbo del sonno.

L'apnea ostruttiva del sonno è un disturbo del sonno, in cui una persona smette di respirare numerose volte durante la notte. Per questo motivo, le persone con apnea notturna tendono ad avere un picco di assorbimento di ossigeno durante l'attività fisica, rispetto ai soggetti senza OSA.

Inoltre, i pazienti con apnea notturna tendono a essere sovrappeso o obesi - rispetto a persone senza la condizione - che potrebbe contribuire alla loro diminuzione della forma fisica. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che - rispetto a individui con analoghi indici di massa corporea - i pazienti con apnea notturna hanno ancora risultati peggiori di quelli sovrappeso o obesi senza OSA.

L'autore principale Jeremy Beitler ha dichiarato: "Incoraggiare i pazienti a fare più esercizio fa parte la storia, ma non è tutta la storia. Riteniamo che l'apnea del sonno stesso causi cambiamenti strutturali nel muscolo che contribuiscono alla loro difficoltà nell'esercizio. "

I ricercatori hanno eseguito test del sonno su uomini e donne con una varietà di sintomi di apnea del sonno. Quindi, 15 uomini e donne con sintomi di apnea del sonno da moderati a severi, e 19 con poco o nessun sintomo è stato chiesto di usare una pedalata fissa con resistenze incrementalmente più dure. I partecipanti sono stati invitati a pedalare fino all'esaurimento.

I risultati dei test hanno scoperto che quelli con apnea notturna avevano mediamente una VO2 max più bassa - misurazione della massima produzione di ossigeno - rispetto ai soggetti di controllo. Inoltre, la frequenza degli episodi di respirazione interrotta per più di 10 secondi a notte potrebbe aiutare a prevedere il 16% della variabilità nel VO2 max di una persona

I ricercatori ritengono che l'esame di persone VO2 max possa ridurre il rischio di infarto e ictus all'inizio trattamento precedente.

Problemi cardiaci causati da apnea notturna

Oltre a ridurre le prestazioni fisiche, l'apnea notturna può contribuire anche a problemi cardiaci aggiuntivi. C'è stato un aumento dei casi di apnea del sonno e studi hanno rivelato che circa il 26% degli americani soffre del disturbo del sonno, mentre solo il 10% ne è a conoscenza.

Ecco un elenco di problemi cardiaci associati legati all'apnea notturna

Fibrillazione atriale: battito cardiaco irregolare.

Ipertensione: pressione sanguigna alta.

Corsa: studi hanno mostrato un aumento del rischio di ictus e demenza con apnea notturna. Il trattamento con un dispositivo CPAP può ridurre questo rischio.

Cardiopatia coronarica: blocchi di arterie a causa di un aumento dei livelli di colesterolo e zucchero.

Ipertensione polmonare: la pressione sanguigna nei polmoni diventa elevata.

Molte di queste condizioni cardiache possono essere migliorate con il trattamento dell'apnea notturna. Il primo passo è diagnosticare l'apnea del sonno per iniziare il trattamento. Se russi, svegliati affaticati o mal di testa, parla con il tuo medico per sottopormi a un test del sonno per confermare la diagnosi di apnea notturna.

Il trattamento dell'apnea notturna è comunemente eseguito con un dispositivo CPAP, che viene indossato durante la notte e offre una pressione dell'aria continua per prevenire l'interruzione della respirazione.

Anche le abitudini di stile di vita sano possono aiutare a migliorare l'apnea notturna e la salute del cuore. Esercitare, mangiare bene e mantenere un peso corporeo sano può fare molto per il cuore e l'apnea del sonno.

Semplici passi per proteggere le ossa
Giornata di screening nazionale contro la depressione: depressione catatonica, oli essenziali per la depressione, sindrome da stanchezza cronica, trattamento depressione

Lascia Il Tuo Commento