L'obesità e la sindrome metabolica si traducono in una bassa vitamina E
Salute

L'obesità e la sindrome metabolica si traducono in una bassa vitamina E

Un nuovo studio ha rilevato che individui obesi con un metabolismo la sindrome richiede in realtà più vitamina E. Subiscono uno stress ossidativo più elevato, ma la loro condizione fa in modo che il corpo lo utilizzi in modo meno efficiente. I ricercatori suggeriscono che questo paradosso della vitamina E è quello che potrebbe contribuire alla vasta gamma di malattie associate a sindromi metaboliche, tra cui malattie cardiache, diabete e cancro.

Più di un americano su tre affronta una sindrome metabolica, che è classificata come tre o cinque problemi comuni che sollevano problemi di salute.

In teoria, la vitamina E dovrebbe essere prontamente disponibile per gli individui obesi perché è un nutriente liposolubile, ma la nuova ricerca dice il contrario.

Maret Traber, Ph.D., Principal Investigator, ha dichiarato: "La vitamina E è associata ai lipidi o ai grassi presenti nel sangue, ma per lo più è solo un micronutriente che va avanti per la corsa. Quello che abbiamo scoperto è che i tessuti di persone obese stanno rifiutando l'assunzione di alcuni di questi lipidi perché hanno già abbastanza grassi. Nel processo respingono anche la vitamina E. Quindi, anche se i tessuti si trovano di fronte a un grave stress ossidativo, la somministrazione di vitamina E a loro è compromessa e non ne ricevono abbastanza di questo importante micronutriente. "

Antiossidanti come la vitamina E e la vitamina C lavorano per controllare lo stress ossidativo, che causa danni. Tuttavia, milioni di americani non consumano abbastanza vitamina E nella loro dieta. La vitamina E è risultata la più alta in noci, semi e olio d'oliva.

Dr. Traber ha aggiunto: "Un'altra preoccupazione è che quando le persone cercano di perdere peso, spesso la prima cosa che fanno è limitare l'assunzione di grassi. Questo può avere senso se stai cercando di ridurre le calorie, ma il grasso è la fonte più comune di vitamina E nella nostra dieta, così che l'approccio alla perdita di peso a volte può effettivamente peggiorare una carenza di nutrienti. "

Dr. Traber consiglia di consumare pasti sani ed equilibrati insieme a un multivitaminico contenente il 100% della dose giornaliera di vitamina E. Suggerisce anche di assumere vitamine con un grasso in quanto molti di essi sono liposolubili.

I risultati hanno concluso che coloro che sono obesi richiedono più alti dosaggi di vitamina E per prevenire carenze di nutrienti

Fonte:
//www.eurekalert.org/pub_releases/2015-11/osu

Gli anziani beneficiano della socializzazione faccia a faccia, scongiuri la depressione
Aggiornamento PCOS: dieta PCOS, trattamento naturale PCOS, segni e sintomi PCOS

Lascia Il Tuo Commento