Focalizzazione delle cellule nervose sulla perdita dell'udito correlata all'età
Salute

Focalizzazione delle cellule nervose sulla perdita dell'udito correlata all'età

Un terzo degli anziani tra 65 e 74 anni e quasi la metà di quelli oltre 75 anni; hanno la perdita dell'udito, questo secondo l'Istituto nazionale sulla sordità e altri disturbi della comunicazione.

La perdita dell'udito legata all'età è stata spesso associata a una morte nelle cellule sensoriali, ma una nuova ricerca ha scoperto un altro colpevole di questa condizione di invecchiamento. I ricercatori di John Hopkins hanno studiato la perdita dell'udito nei topi, in particolare le cellule sensoriali e le cellule nervose all'interno delle orecchie dei topi.

"Le cellule nervose che si collegano alle cellule sensoriali dell'orecchio interno sono note per inibire l'udito e sebbene non sia ancora è chiaro che è la loro funzione nei topi più anziani, è molto probabile ", ha detto Paul Fuchs, professore e chirurgo presso John Hopkins.

All'interno dell'orecchio ci sono file arrotolate di cellule sensoriali. Queste cellule sono responsabili della trasformazione delle onde sonore in segnali elettrici che viaggiano verso il cervello indicando cosa ascoltare. Queste cellule si trovano nell'orecchio interno ed esterno. Le cellule dell'orecchio esterno sono responsabili dell'amplificazione del suono e quelle nell'orecchio interno le trasformano in segnali che viaggiano attraverso i nervi. Quando si verificano cambiamenti alle cellule dell'orecchio esterno, può riguardare i cambiamenti dell'orecchio interno.

In precedenza, si credeva che le cellule ciliate diminuissero le cellule nervose che si estinguono ma le cellule nervose esterne aumentano. La ricerca attuale, per testare questo, ha registrato segnali elettrici dall'orecchio interno dei topi di invecchiamento.

Le osservazioni hanno rivelato che le cellule nervose esterne aumentavano e più povero era l'udito era l'attività nervosa più esterna.

"Queste connessioni delle cellule nervose sembra che stia tornando al modo in cui hanno lavorato durante il primo sviluppo prima che il senso dell'udito degli animali fosse operativo ", ha detto Fuchs. "Non sappiamo perché le nuove connessioni si formino, ma potrebbe essere semplice come una mancanza di competizione per lo spazio una volta che le cellule nervose uscenti si sono ritirate."

Anche se lo studio è stato condotto sui topi, se i ricercatori possono testimoniare stessi risultati in umani sentono che possono essere più vicini nel prevenire la perdita dell'udito legata all'età.

I risultati sono stati pubblicati su The Journal of Neuroscience .

Fonti:
// www.eurekalert.org / pub_releases / 2015-07 / jhm-fal071015.php
//www.asha.org/Aud/Articles/Untreated-Hearing-Loss-in-Adults/

Il tuo hobby preferito causa perdita dell'udito?
Nella vescica iperattiva, la presenza di alcuni batteri contribuisce ai sintomi della PAO: Studio

Lascia Il Tuo Commento