Pazienti con sclerosi multipla in dieta paleo riscontrati con ridotta fatica e miglioramento della qualità della vita
Organi

Pazienti con sclerosi multipla in dieta paleo riscontrati con ridotta fatica e miglioramento della qualità della vita

A un nuovo studio pubblicato su Malattia degenerativa neuromuscolare e neuro-muscolare ha riscontrato un miglioramento della qualità della vita e una riduzione della fatica in sclerosi multipla pazienti che seguono una dieta paleo.

Il paleo la dieta si concentra su carni magre e pesce, oltre a prodotti stagionali e frutta e verdura locale. Elimina zuccheri raffinati, prodotti lattiero-caseari e cereali, e la maggior parte del cibo consumato è non trasformato. Per vedere come una dieta paleo ha colpito quelli con sclerosi multipla, lo studio ha raccolto 17 partecipanti che soffrono di sclerosi multipla recidivante-remittente-RRMS e ne ha assegnati a caso otto per seguire la dieta paleo, mentre i restanti nove hanno mangiato come al solito e hanno agito come il gruppo di controllo

Nel corso di tre mesi e mezzo, l'affaticamento quotidiano di ogni partecipante è stato misurato sulla scala di gravità della fatigue, una scala di nove punti comunemente usata nella comunità medica. I risultati hanno mostrato che i partecipanti che seguivano la dieta paleo hanno visto diminuire la fatica giornaliera di 1,4 punti, mentre quelli che hanno mangiato normalmente nel gruppo di controllo hanno riportato un aumento della fatica di 0,2 punti.

La qualità della vita per coloro che seguono il paleo anche la dieta è migliorata, con i partecipanti a questo gruppo che hanno riportato un aumento minimo di cinque punti sulla scala della qualità della vita per sclerosi multipla - Scala della salute mentale. In confronto, solo tre dei nove partecipanti al gruppo di controllo hanno riportato un miglioramento simile. I partecipanti al gruppo paleo hanno anche riportato punteggi più alti sulla porzione fisica della scala della Qualità della vita rispetto al gruppo di controllo.

Il gruppo che seguiva la dieta paleo ha anche visto un aumento di 2,5 punti nei suoi livelli di vitamina K, un nutriente che aiuta a combattere l'infiammazione, mentre il gruppo di controllo ha riscontrato un calo dei livelli di vitamina K del 3,6%.
Entrambi i gruppi hanno anche il compito di completare il test Peg a 9 mani, progettato per testare la funzione degli arti superiori. Il test è stato eseguito prima che i partecipanti apportassero modifiche alla loro dieta come base di riferimento, quindi di nuovo dopo i tre mesi e mezzo per segnalare eventuali differenze. Mentre tutti i partecipanti sono stati in grado di completare il compito più velocemente, gli otto che hanno seguito la dieta paleo hanno mostrato un aumento maggiore della velocità rispetto ai punteggi di base originali.

A causa di questi risultati promettenti, il team di ricerca ha concluso che "Un paleolitico la dieta può essere utile nel trattamento e nella gestione della SM, riducendo l'affaticamento percepito, aumentando la qualità della vita fisica e mentale, aumentando la capacità di esercizio e migliorando la funzionalità delle mani e delle gambe. "I risultati dello studio mostrano che in seguito ad una dieta paleo una serie di potenziali benefici per chi soffre di RRMS e poiché è un metodo naturale per migliorare la salute, può essere usato da solo o in combinazione con terapie esistenti per aiutare a trattare i sintomi della sclerosi multipla.

Pazienti affetti da epilessia che dormono a stomaco rischio di morte improvvisa: Studio
Cioccolato fondente trovato per promuovere le capacità cognitive: Studio

Lascia Il Tuo Commento