Il metabolita del farmaco della sclerosi multipla sembra rallentare l'insorgenza della malattia di Parkinson: Studio
Organi

Il metabolita del farmaco della sclerosi multipla sembra rallentare l'insorgenza della malattia di Parkinson: Studio

Il metabolita di una sclerosi multipla farmaco sembra rallentare l'insorgenza di morbo di Parkinson. Il farmaco dimetilfumarato, o DMF, nonché il suo metabolita monometilfumarato, o MMF, entrambi aumentano l'attività di Nrf2, una proteina che aiuta a proteggere il corpo dallo stress ossidativo e dall'infiammazione caratteristici sia della sclerosi multipla che del morbo di Parkinson, secondo il neuroscienziato Dr. Bobby Thomas.

Thomas disse, "Ma il nuovo studio fornisce la prima prova che il metabolita, che è essenzialmente la parte attiva del farmaco progenitore, indirizza più direttamente Nrf2, riducendo potenzialmente gli effetti collaterali noti del farmaco progenitore che includono il rossore, diarrea, nausea, vomito, dolore addominale e encefalopatia da infezione cerebrale. "

Dopo aver ricevuto la neurotossina MPTP, i topi hanno sperimentato una perdita drammatica di neuroni che producono dopamina - infatti, perdendo la metà con pochi giorni - e svilupparono rapidamente il Parkinson -come i sintomi I pazienti, d'altra parte, sviluppano i sintomi lentamente nel corso di molti anni. Nel momento in cui cercano assistenza medica, potrebbero aver perso dal 30 al 50% dei loro neuroni dopaminergici.

Il MMF del metabolita sembra attivare Nrf2 più direttamente, e in realtà aumenta il glutatione e migliora la funzione mitocondriale, come hanno dimostrato gli studi sulle cellule cerebrali. Mentre il farmaco DMF alla fine produce un'attivazione Nrf2 più alta, i ricercatori hanno scoperto che l'effetto MMF era sufficiente per fermare la drammatica perdita di neuroni nel modello animale.

Dr. John Morgan, neurologo, ha aggiunto: "Se riusciamo a prenderli abbastanza presto, forse potremo rallentare la malattia. Se può aiutare a dare da cinque a otto anni un miglioramento della qualità della vita, sarebbe bello per i nostri pazienti. "

Morgan raccomanda un regolare esercizio fisico come mezzo per ridurre il declino di Nrf2 associato all'invecchiamento.

Insorgenza precoce del Parkinson sintomi della malattia

La malattia di Parkinson è una malattia neurologica progressiva, che può iniziare con sintomi lievi che peggiorano nel tempo.

Ecco una lista dei 12 segni premonitori da prestare attenzione.

  • Tremori o agitazione
  • Modifiche alla grafia
  • Perdita di odore
  • Problemi di sonno
  • Tensione muscolare
  • Cambiamenti nella camminata
  • Costipazione
  • Voce calma
  • Espressioni facciali silenziate o piatte - conosciute come faccia mascherata
  • Capogiri o svenimento
  • Piegamento o incurvamento
  • Depressione o ansia

La diagnosi precoce del morbo di Parkinson è fondamentale per rallentare la progressione della malattia, che è più facile all'inizio rispetto a quando la condizione è avanzata. Se riscontri uno dei sintomi sopra elencati, consulta subito il medico.

Lettura correlata:

Sclerosi multipla contro il morbo di Parkinson, differenze nei sintomi, cause e trattamento

La sclerosi multipla (SM) è una condizione autoimmune che colpisce il sistema nervoso, mentre la malattia di Parkinson è una malattia neurologica progressiva che colpisce il movimento. I sintomi della sclerosi multipla e della malattia di Parkinson sono abbastanza simili a volte, ma ci sono differenze distinte che mettono a repentaglio le due condizioni.

Nella sclerosi multipla, la stitichezza è un sintomo comune

Nella sclerosi multipla (SM), la stitichezza è un comune sintomo. Una seccatura che chiunque può sperimentare nella vita di tutti i giorni, la costipazione è ancora un altro nello spettro di sintomi fastidiosi associati alla SM. I pazienti con sclerosi multipla spesso soffrono di stitichezza cronica e possono rimanere per giorni semplicemente non sentendosi "giusti".

Fonti:
//jagwire.augusta.edu/archives/34178
// www. jneurosci.org/content/36/23/6332
//www.everydayhealth.com/columns/health-answers/parkinsons-disease-early-warning-signs/

Demenza e comportamento aggressivo: cause e consigli di prevenzione
Malattia di Alzheimer, rischio di demenza non associato ad assunzione di colesterolo alto e uova: Studio

Lascia Il Tuo Commento