I cambiamenti mitocondriali aiutano a individuare il diabete di tipo 2
Salute

I cambiamenti mitocondriali aiutano a individuare il diabete di tipo 2

In quello che potrebbe essere un enorme passo avanti nella prevenzione del diabete, gli scienziati hanno scoperto un biomarker genetico nelle persone pre-diabetiche. La presenza di questo biomarcatore potrebbe dare un avvertimento precoce ai medici e aiutare le persone pre-diabetiche ad adottare le misure precauzionali necessarie per evitare il diabete di tipo 2.

In uno studio recente, i ricercatori della Virginia Tech hanno scoperto che le persone pre-diabetiche non erano in grado di rispondere efficacemente all'insulina (resistente all'insulina) e avevano anche alterato il DNA mitocondriale. I dettagli dello studio possono essere visti in Epigenetica clinica .

Per lo studio, i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue da 40 partecipanti che sono stati arruolati in un programma di lotta contro il diabete chiamato diaBEAT-it. Molti ricercatori del Centro di Ricerca sull'Obesità Tradizionale di Fralin gestiscono diaBEAT-it, che è finanziato da una sovvenzione del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases.

I 40 partecipanti scelti per lo studio hanno mostrato segni di resistenza all'insulina (nel senso che erano pre-diabetici) ma non avevano malattie cardiovascolari o diabete.

Quando il team di ricercatori ha analizzato i campioni di sangue, hanno trovato che i partecipanti avevano una quantità ridotta di DNA mitocondriale con un volume maggiore di metilazione rispetto alle persone sane. La metilazione è un processo mediante il quale i gruppi metilici vengono aggiunti al DNA e questo processo può modificare l'espressione genetica ei numeri delle copie mitocondriali nelle cellule.

I mitocondri sono le centrali elettriche delle cellule e sono responsabili della conversione dell'energia chimica dal cibo in energia che le cellule possono usare.

Secondo Zhiyong Cheng, un assistente professore di umani, nutrizione, alimenti ed esercizio fisico, se il corpo non è in grado di reagire adeguatamente all'insulina (come si vede nel caso di persone pre-diabetiche), potrebbe influire sulla funzione mitocondriale di una persona e sui livelli energetici complessivi.

Studi precedenti hanno rivelato alterazioni nei mitocondri nelle persone obese, ma mai prima d'ora è stato fatto un collegamento molecolare tra la resistenza all'insulina ei cambiamenti del DNA mitocondriale

Il team di ricercatori Pensare che questo collegamento potrebbe essere utile per determinare quali persone sono pre-diabetici, e quindi aiutare a prevenire l'insorgenza del diabete di tipo 2.

Secondo le statistiche NIH, oltre il 66% di adul Gli Stati Uniti sono considerati sovrappesati. E oltre il 33% rientra nella categoria degli obesi. Le ragioni per cui l'obesità sta diventando un'epidemia negli Stati Uniti sono fondamentalmente una combinazione di eccesso di cibo e sottoattività - assunzione di più calorie da cibo rispetto al corpo brucia attraverso l'attività fisica. L'obesità è un fattore di rischio elevato per il diabete di tipo 2 e la maggior parte dei pazienti diabetici di tipo 2 sono obesi.

Poiché non esiste una cura nota per il diabete di tipo 2, individuarla prima della comparsa dei sintomi e intervenire di conseguenza può aiutare a prevenire questa malattia. La scoperta del biomarcatore del DNA in individui obesi e pre-diabetici è un grande passo nella giusta direzione nel nostro sforzo per imparare di più su come si sviluppa il diabete. Lo studio fornisce dati per applicare gli apprendimenti alla diagnosi e all'intervento futuri.

Fonti:
//www.vtnews.vt.edu/articles/2015/08/081915-fralin-prediabetes.html
//www.clinicalepigeneticsjournal.com/content/7/1/60

L'herpes zoster aumenta il rischio di ictus a breve termine e infarto miocardico negli anziani
Riduttori di colesterolo naturale: alimenti alternativi e terapie per abbassare il colesterolo

Lascia Il Tuo Commento