Infarto miocardico: sintomi, trattamento e precauzioni
Salute

Infarto miocardico: sintomi, trattamento e precauzioni

Gli attacchi di cuore possono verificarsi con gravità variabile, e proprio come una frattura può essere attaccatura dei capelli o maggiore, un attacco di cuore può essere lieve o massiccio. La gravità di un attacco cardiaco è determinata dall'entità del danno causato al cuore stesso - nel caso di un attacco di cuore lieve, una porzione relativamente piccola del muscolo è danneggiata o la maggior parte del danno non è permanente.

Indipendentemente dalla situazione, se ritieni di avere sintomi simili ad attacchi di cuore, è importante ricorrere a cure mediche di emergenza poiché sia ​​gli attacchi cardiaci lievi che quelli massicci sono molto gravi e possono causarti danni permanenti.

Che cos'è la differenza tra un attacco di cuore lieve e massiccio?

Gli attacchi di cuore si verificano quando c'è un blocco nell'arteria che impedisce il flusso di sangue nel cuore. Un grave infarto può verificarsi se il flusso sanguigno viene completamente isolato dal blocco e può causare danni permanenti al cuore, arresto cardiaco o morte. Possono anche verificarsi massicci attacchi cardiaci se il blocco ostacola il flusso di sangue in un'arteria più grande.

In confronto, un lieve attacco cardiaco si verifica quando c'è un blocco in una delle arterie più piccole del cuore o il blocco non completamente fermare il flusso di sangue al muscolo cardiaco. Attacchi di cuore lievi possono anche causare danni a una porzione più piccola del cuore, meno del quale è permeante. Infine, gli attacchi di cuore lievi non durano quanto i massicci attacchi di cuore.

Segni e sintomi di attacco di cuore lieve

I sintomi di un attacco di cuore lieve sono simili a quelli di angina instabile e comprendono dolore al petto che può irradiarsi le braccia e la mascella, difficoltà di respirazione, nausea, sensazione di testa vuota, sudori freddi e sensazione come se il tuo cuore stesse correndo. Questi sintomi possono durare per alcuni minuti.

Cosa succede dopo un lieve infarto?

Dopo aver avuto un lieve attacco cardiaco, altri sintomi possono manifestarsi e influenzare il tuo stato fisico e mentale. Potresti sentirti affaticato, poiché l'episodio avrà indebolito il tuo muscolo cardiaco e reso più difficile per il cuore pompare il sangue in tutto il resto del corpo. Potresti anche avvertire qualche disagio al petto, poiché il danno al cuore compromette il flusso sanguigno e può provocare dolore al petto.

La depressione è un altro effetto collaterale dell'esperienza di un lieve attacco cardiaco, poiché dopo un evento traumatico, potresti sentirti una paura della morte o della mortalità così come una perdita di controllo sulla tua vita. Infine, le aritmie cardiache possono svilupparsi dopo un lieve attacco cardiaco, poiché parte del muscolo che conduce l'impulso a battere può essere danneggiato e causare il battito cardiaco in modo irregolare.

Infarto lieve: diagnosi e consigli per il trattamento

Per distinguere un attacco di cuore lieve da angina stabile, il medico può ordinare un elettrocardiogramma in modo che possano analizzare il modello e discernere se l'infarto è stato tipico o lieve. Un esame del sangue può anche essere in grado di confermare se il paziente ha subito un attacco di cuore lieve, come può un ecocardiogramma, ecografia del cuore, angiogramma o radiografia delle arterie coronarie.

Per trattare un attacco di cuore lieve, i medici possono prescrivere farmaci come la nitroglicerina, che allarga i vasi sanguigni. I farmaci anti-ischemici possono anche essere prescritti in quanto possono prevenire il dolore al petto, mentre anti-infiammatori e fluidificanti del sangue possono essere somministrati per prevenire la formazione di coaguli

Consigli di prudenza dopo un attacco di cuore lieve

Se avete ha sofferto di un attacco di cuore lieve, il medico può raccomandare alcuni cambiamenti di stile di vita e di salute al fine di ridurre il rischio di vivere un evento cardiaco secondario. Questi suggerimenti includono:

Smettere di fumare: Il fumo è un importante fattore di rischio per le malattie cardiache, poiché danneggia le pareti dei vasi sanguigni e può impedire al sangue e all'ossigeno di raggiungere il cuore e gli organi. Il tabacco da fumo favorisce anche la formazione di coaguli di sangue che possono causare attacchi di cuore, mentre la nicotina presente nelle sigarette può aumentare la pressione sanguigna.

Controlla la pressione sanguigna: La gestione della pressione arteriosa può impedire che lo stress eccessivo venga posizionato sul cuore e sui vasi sanguigni. Parli con il medico circa i modi per abbassare e gestire la pressione sanguigna in modo naturale, nonché le opzioni mediche disponibili.

Controlla il colesterolo: Un eccesso di colesterolo LDL o "cattivo" può aumentare il rischio di malattie cardiache, e se i tuoi livelli sono alti, il medico può raccomandare una prescrizione per controllarlo e incoraggiarti a mangiare più sano ed esercitare regolarmente.

Controlla il diabete: Assicurati di essere sottoposto a screening per il diabete, poiché il diabete di tipo 1 e di tipo 2 può aumentare il rischio di infarto o ictus.

Esercizio: L'esercizio regolare, in particolare le attività cardio-può aiutare a rafforzare il cuore e abbassare il colesterolo e la pressione sanguigna. Fare jogging, correre, camminare, andare in bicicletta e nuotare sono tutti buoni esempi di esercizi cardio per aiutare a pompare il cuore.

Mangiare una dieta sana: Alcuni cibi contengono grassi saturi che possono causare l'accumulo di placca nelle arterie e impedire il flusso di sangue, causando alla fine un attacco di cuore o insufficienza cardiaca. Evita questi cibi e aumenta il consumo di alimenti a basso contenuto di colesterolo e grassi saturi come frutta, verdura, carne bianca e pesce.

Gli attacchi di cuore lievi possono non essere così gravi come gli attacchi di cuore, ma possono comunque causare danno che può causare complicazioni in fondo alla strada. Se senti di avere un attacco di cuore, è importante consultare immediatamente un medico.

Anziani con dolore muscoloscheletrico cronico (CMP) affrontano un rischio maggiore di malattie cardiache
Vasculite, infiammazione dei vasi sanguigni e rischio di lupus

Lascia Il Tuo Commento