Teoria della
Salute

Teoria della "crisi di mezza età" sfidata dallo studio dell'Università di Alberta

Un recente articolo pubblicato in Psicologia dello sviluppo intitolato - Up, Not Down: The Age Curve in Happiness dalla prima età adulta alla mezza età - getta nuova luce sul concetto di "crisi di mezza età". I ricercatori che hanno pubblicato questo documento, Nancy Galambos, Harvey Krahn, Matt Johnson, basando le loro scoperte su dati tratti da due studi longitudinali dell'Università di Alberta

Negli ultimi 5 o 6 decenni, la credenza accettata, basata sulla ricerca, è stata la felicità nella nostra vita ricade su una curva a forma di U. Nel corso degli anni, una serie di studi ha affermato che la felicità diminuisce per la maggior parte dai primi anni '20 alla mezza età (da 40 a 60 anni). Ciò si riflette nella curva a forma di U in cui il punto basso della curva è attribuito alla "crisi di mezza età". Non sorprende che la "crisi di mezza età" sia diventata un fenomeno accettato. Tanto vale che fa il macinino per il molino per le sitcom e la pubblicità in tutto il mondo. La domanda è: c'è qualche verità nella "crisi di mezza età?"

A quella domanda è stata data una risposta negativa da Galambos, Krahn, Johnson e la loro squadra.
I dati, che il team ha usato per il loro articolo, contraddice i precedenti studi trasversali su come determinare la propria felicità nel corso di una vita. I nuovi dati indicano chiaramente che la felicità non si blocca nella mezza età. Al contrario, la traiettoria della felicità è in una curva ascendente a partire dalla tarda adolescenza e dai primi anni venti. Secondo Galambos e Krahn, questo studio attuale è molto più affidabile rispetto alla ricerca precedente. A differenza della precedente ricerca trasversale, in cui i dati provenivano da individui diversi. Nel presente studio, il quoziente di felicità viene misurato negli stessi individui nel tempo.

Come parte del nuovo studio, il team ha seguito due gruppi di partecipanti. Il primo gruppo di partecipanti era costituito da studenti delle scuole superiori canadesi di età compresa tra 18 anni e 43 anni. Il secondo gruppo di partecipanti comprendeva gli studenti universitari di età compresa tra 23 e 37 anni. In entrambi i gruppi i ricercatori hanno notato che la felicità è aumentata negli anni '30, con una leggera flessione a 43 anni nel campione delle scuole superiori.

Dopo aver preso in considerazione le variazioni nelle vite dei partecipanti, come cambiamenti nello stato civile e nell'occupazione, entrambi i gruppi di partecipanti hanno mostrato un generale aumento di felicità dopo il liceo e l'università.

Secondo il primo autore dello studio, Prof. Nancy Galambos, le informazioni raccolte dallo studio sono cruciali perché la felicità è importante. Il team crede che la felicità abbia un ruolo enorme nella vita e nel benessere generale. Sono dell'opinione che più felice è una persona, più facile è la loro traiettoria di vita. E sono meno pesanti per il sistema sanitario e per la società.

Fonti:
//www.eurekalert.org/pub_releases/2016-01/uoa-nuo011116.php

Nei pazienti con fibrosi cistica, l'infezione polmonare può essere causata da infezione batterica
Sanguinamento per la salute del cuore

Lascia Il Tuo Commento