Riduzione del rischio di insonnia migliorando le risposte al coping allo stress, la ricerca mostra
Organi

Riduzione del rischio di insonnia migliorando le risposte al coping allo stress, la ricerca mostra

Lo sapevate come far fronte allo stress della vita e alla confusione generale della società moderna può aumentare il rischio di insonnia?

Mi sono ritrovato a fare spuntini notturni più spesso del solito e non sui cibi giusti. Anche quando lo conosci meglio, puoi scivolare e compromettere il tuo sonno nel processo.

Una nuova ricerca dell'American Academy of Sleep Medicine e pubblicata dalla rivista Sleep in July è la prima a individuare particolari comportamenti di coping attraverso i quali lo stress porta allo sviluppo dell'insonnia.

Rischio insonnia e ruolo dell'esposizione allo stress

Lo studio ha coinvolto un campione basato sulla comunità di 2.892 traversine sonore, senza storia di insonnia. I partecipanti hanno riportato il numero di eventi stressanti della loro vita vissuti lo scorso anno: cose come il divorzio, una malattia grave, un grave problema finanziario o la morte di un familiare o di un amico. Hanno anche riportato la gravità e la durata percepite di ogni evento stressante, insieme alle strategie di coping che hanno usato nei sette giorni successivi all'evento stressante. Dopo un anno, i partecipanti sono stati quindi valutati e identificati come affetti da un disturbo di insonnia o meno. Questo è definito come avere sintomi di insonnia che si verificano almeno tre notti a settimana per un mese o più con disabilità o difficoltà diurna associata.
Nel complesso, le valutazioni di follow-up hanno rivelato un tasso di incidenza dell'insonnia di circa il 9%. Ogni ulteriore fattore stressante, secondo i ricercatori, ha aumentato le probabilità di sviluppare l'insonnia del 19%. Inoltre, i risultati hanno dimostrato che affrontare un evento stressante attraverso il disimpegno comportamentale - che significa rinunciare ad affrontare lo stress del tutto - o utilizzando alcol o droghe contribuisce notevolmente allo sviluppo dell'insonnia. È interessante notare che la tecnica di coping nota come auto-distrazione, come guardare la TV o andare al cinema, fa lo stesso.

Questi risultati evidenziano la necessità di un approccio multidimensionale alla valutazione dello stress negli studi futuri e nella pratica clinica, secondo i ricercatori.

"Il nostro studio è tra i primi a dimostrare che non è il numero di fattori di stress, ma la tua reazione a loro che determina la probabilità di sperimentare l'insonnia", ha condotto il ricercatore Vivek Pillai, ricercatore presso il Centro per i Disturbi del sonno e la ricerca di Detroit, ha detto a Science Daily a luglio. "Mentre un evento stressante può portare a una brutta notte di sonno, è quello che fai in risposta allo stress che può essere la differenza tra poche notti negative e insonnia cronica."

Ridurre il rischio di insonnia prevenendo lo stress

Oggi, il disturbo da insonnia a breve termine che dura meno di tre mesi accade al 15-20% degli adulti, secondo l'American Academy of Sleep Medicine. È più prevalente nelle donne che negli uomini.

Ma ammettiamolo: a volte, non è possibile evitare gli stress che interferiscono con il sonno della buona notte. Ma puoi provare a fare una pausa ogni volta che il tuo corpo ne ha più bisogno. Prenditi più tempo per stare con amici e familiari. Prima di andare a letto, scrivi ciò che ti disturba di più e mettilo da parte per il giorno successivo. Evita la sovra-stimolazione, invece di fare cose più seducenti e sedative, come puzzle, camminare il cane e persino lavorare a maglia.

Se queste misure non ti aiutano a riposare meglio, parla al tuo medico di famiglia delle strategie per ridurre il tuo livelli di stress - e migliorare il tuo sonno generale.

Lettura correlata

Insonnia e incubi depressione carburante: Studio

Uno studio dei vigili del fuoco ha scoperto come l'insonnia e gli incubi possono alimentare la depressione compromettendo la capacità di accedere e influenzare la regolazione delle emozioni strategie correttamente. Un'alta percentuale di partecipanti ha riferito sintomi clinici di insonnia, sintomi di depressione e problemi da incubo.

Insonnia, depressione e affaticamento legati a incubi frequenti

Uno studio recente ha rilevato che l'insonnia, la depressione e la stanchezza sono legate a incubi frequenti. L'autore principale Nils Sandman ha dichiarato: "Il nostro studio mostra una chiara connessione tra benessere e incubi." Sebbene lo studio non abbia dimostrato che la depressione causa incubi, ha rivelato una stretta associazione tra i due.

Fonte:
http :? //www.aasmnet.org/articles.aspx id = 4852

I trattamenti di infiammazione della pelle della psoriasi migliorano i sintomi della malattia cardiaca: Studio
Uomini con stress e ansia come donne formose

Lascia Il Tuo Commento