Come il sonno influisce sulle prestazioni sportive
Diete

Come il sonno influisce sulle prestazioni sportive

Tutti sanno quanto sia importante ottenere un'adeguata quantità di sonno, soprattutto prima e dopo l'allenamento o l'allenamento.

Se non dormiamo abbastanza probabilmente ci sentiremo irritabili e letargici il giorno dopo, troveremo difficile il funzionamento e le nostre prestazioni saranno compromesse.

Gli studi hanno dimostrato che il sonno regola il nostro umore e influenza la nostra capacità di apprendere nuove competenze e migliorare le nostre prestazioni nei test. Inoltre influisce sui nostri livelli di salute, peso ed energia.

Anche se l'esercizio fisico è una buona cosa, allenarsi prima di andare a dormire non è una buona idea perché può portare all'insonnia. La nostra temperatura corporea aumenta quando ci alleniamo e possono essere necessarie fino a sei ore per cadere. Dopo aver lavorato, i nostri corpi hanno bisogno di rinfrescarsi; e le temperature corporee più fresche sono associate all'inizio del sonno. È quindi importante smettere di allenarsi almeno tre ore prima di andare a dormire. In effetti, gli esperti suggeriscono che il momento migliore per allenarsi o allenarsi è nel tardo pomeriggio.

Performance sportiva

Due studi guidati da Cheri D. Mah, MS, ricercatore presso la Stanford Sleep Disorders Clinic and Research Laboratory in Stanford, CA, ha concluso che il sonno ottimale è necessario per raggiungere il picco delle prestazioni atletiche e che il sonno extra migliora le prestazioni sportive e l'umore.

In uno studio, pubblicato nel numero di luglio 2011 della rivista SLEEP, 11 Agli studenti sani della squadra di basket varsity maschile della Stanford University è stato chiesto di dormire un minimo di 10 ore a notte per un periodo di 5-7 settimane. La loro prestazione atletica è stata poi misurata dopo ogni allenamento.

I ricercatori hanno scoperto che i giocatori di basket erano in grado di migliorare le loro prestazioni, oltre al tempo di reazione e all'umore, aumentando la quantità di tempo in cui dormivano. Hanno dimostrato tempi di sprint più veloci e una migliore precisione di tiro; aumento del vigore e diminuzione dell'affaticamento; e ha anche riportato un miglioramento del benessere fisico e mentale durante le pratiche e i giochi.

Il secondo studio, pubblicato nel giugno 2009, ha monitorato cinque membri della squadra di tennis femminile di Stanford. Per le prime 2 o 3 settimane di studio, le donne hanno mantenuto il loro regolare ritmo sonno / veglia e la loro performance atletica è stata valutata. Poi, per 5-6 settimane, hanno prolungato il sonno, mirando per 10 ore a notte. L'umore e la sonnolenza diurna sono stati monitorati, insieme alle attività quotidiane di sonno / veglia. Secondo l'abstract dello studio su eurekalert.org , Mah ha scoperto che molti dei partecipanti allo studio si sono resi conto, per la prima volta, dell'importanza del sonno e del suo impatto sulle prestazioni durante le competizioni.

Secondo un 1 luglio 2011, Science Daily report, Mah offre i seguenti suggerimenti agli atleti. Ma possono applicare, ugualmente, a chiunque di noi quando ci alleniamo o ci alleniamo:

1. Dare priorità al sonno come parte del regolare allenamento, allenamento o regime di allenamento.

2. Dormi di più per diverse settimane prima di una competizione.

3. Gli adulti hanno bisogno di sette a nove ore di sonno a notte; mentre gli adolescenti e i giovani hanno bisogno di nove o più.

4. Tenere un normale programma di sonno-veglia andando a letto e svegliarsi alla stessa ora tutti i giorni.

5. Assumere brevi sonnellini da 20 a 30 minuti durante il giorno, soprattutto se si sente sonnolenza.

Quando ci alleniamo o ci impegniamo nell'esercizio fisico, un sonno inadeguato può anche aumentare la nostra suscettibilità alle ferite.

Secondo il Cory Holly Institute, un centro internazionale di educazione sportiva online, il sonno è essenziale per il corretto coordinamento e la destrezza motoria quando ci alleniamo o ci alleniamo. Quando dormiamo privatamente mentre ci alleniamo o durante una partita, possiamo scontrarci con oggetti stazionari e / o con i nostri avversari.

In un articolo del Psychology Today del novembre 2011, Matthew J. Edlund, MD dice alcuni le squadre sportive hanno assunto medici del sonno. L'NBA consulta il Dr. Charles Czeisler, responsabile della medicina del sonno ad Harvard, il quale consiglia ai giocatori di ottenere più di 8 ore di sonno a notte per prestazioni ottimali.

Edlund afferma che gli atleti che hanno avuto un riposo adeguato mostrano una migliore funzione muscolare e polmonare; imparano meglio e hanno ricordi migliori; sono più calmi e più consapevoli del proprio corpo e di quelli dei loro compagni di squadra; e sono più in grado di riconoscere un infortunio.

Quindi, che tu sia un atleta competitivo o semplicemente qualcuno che si esercita ogni giorno e si diverta a lavorare, ricorda: il riposo e il recupero sono fondamentali.

Ti senti depresso? C'è una soluzione naturale senza farmaci
Lo studio rivela il legame del colesterolo con l'aterosclerosi

Lascia Il Tuo Commento