Quanto dura l'avvelenamento da cibo?
Mangiare Sano

Quanto dura l'avvelenamento da cibo?

Se vi siete mai chiesti - quanto dura intossicazione alimentare ? - Bene, siamo qui per rispondere a questa domanda scottante e fornirti altri fatti riguardanti l'intossicazione alimentare. La risposta semplice e diretta alla domanda per quanto tempo dura l'intossicazione alimentare è tra uno o due giorni, in genere. I sintomi diminuiranno da soli - entreremo nei sintomi più in dettaglio più tardi - e lentamente comincerai a sentirti di nuovo te stesso. In generale, se si verificano ancora sintomi di avvelenamento da cibo per più di due giorni, dovresti andare dal medico.

L'intossicazione alimentare è il risultato di mangiare cibi contaminati e quasi immediatamente inizierai a sentire i suoi effetti. L'intossicazione alimentare può manifestarsi all'improvviso ei sintomi possono essere molto onerosi sul corpo. Per evitare complicazioni, riposati e resta idratato il più possibile.

Quanto durano i sintomi di avvelenamento da cibo?

Quanto durerà l'intossicazione alimentare e quando i sintomi inizieranno a manifestarsi dipende da quali batteri hai ingerito. Se l'intossicazione alimentare è il risultato di batteri dello stafilococco, i sintomi possono manifestarsi entro una o due ore. Se il tuo intossicazione alimentare proviene dal campylobacter, possono essere necessari fino a 10 giorni per mostrare i sintomi, il che è anche il tempo sufficiente per dimenticare che potrebbe essere il risultato di cibo contaminato, quindi potresti credere di avere l'influenza dello stomaco.

A seconda dell'infezione, i sintomi possono durare per giorni o addirittura mesi - in tal caso, dovresti consultare il tuo medico sui metodi di trattamento più aggressivi.

Ecco un grafico creato dalla Mayo Clinic per aiuta a vedere facilmente quanto tempo occorrono affinché i sintomi si manifestino nell'intossicazione alimentare in base ai batteri che lo hanno causato.

Contaminante Insorgenza dei sintomi Alimenti interessati e mezzo di trasmissione
Campylobacter 2 a 5 giorni Carne e pollame. La contaminazione si verifica durante la lavorazione se le feci degli animali toccano le superfici di carne. Altre fonti includono latte non pastorizzato e acqua contaminata
Clostridium botulinum da 12 a 72 ore Cibi fatti in casa con bassa acidità, cibi commerciali in scatola impropriamente, pesce affumicato o salato, patate cotte in fogli di alluminio e altro cibi conservati a temperature calde per troppo tempo.
Clostridium perfringens da 8 a 16 ore Carni, spezzatini e sughi. Diffusione diffusa quando si servono i piatti non tenere il cibo abbastanza caldo o quando il cibo viene raffreddato troppo lentamente.
Escherichia coli (E. coli) O157: H7 da 1 a 8 giorni Manzo contaminato con le feci durante la macellazione. Diffusa principalmente da carne macinata cruda. Altre fonti includono latte non pastorizzato e sidro di mele, germogli di erba medica e acqua contaminata.
Giardia lamblia da 1 a 2 settimane Prodotti grezzi, pronti da mangiare e acqua contaminata. Può essere diffuso da un alimentatore di cibo infetto.
Epatite A 28 giorni Prodotti crudi, pronti da mangiare e molluschi dall'acqua contaminata. Può essere distribuito da un alimentatore di cibo infetto.
Listeria Da 9 a 48 ore Hot dog, piatti a base di latte, latte e formaggi non pastorizzati e prodotti grezzi non lavati. Può diffondersi attraverso il suolo e l'acqua contaminati.
Norovirus (virus simili a Norwalk) Da 12 a 48 ore Prodotti crudi, pronti da mangiare e molluschi dall'acqua contaminata. Può essere distribuito da un alimentatore di alimenti infetto.
Rotavirus da 1 a 3 giorni Prodotti grezzi pronti da mangiare. Può essere distribuito da un operatore alimentare infetto.
Salmonella da 1 a 3 giorni Carne cruda o contaminata, pollame, latte o tuorli d'uovo. Sopravvive a una cottura inadeguata. Può essere spalmato con coltelli, superfici di taglio o con un alimentatore di alimenti infetto.
Shigella Da 24 a 48 ore Frutti di mare e prodotti grezzi pronti da mangiare. Può essere distribuito da un alimentatore di cibo infetto.
Staphylococcus aureus da 1 a 6 ore Carni e insalate preparate, salse alla crema e pasticcini ripieni di crema. Può essere diffuso a contatto con la mano, tosse e starnuti
Vibrio vulnificus da 1 a 7 giorni Ostriche crude e cozze o vongole crude o sottacete e capesante intere. Può diffondersi attraverso l'acqua di mare contaminata.

Quali sono i sintomi dell'avvelenamento da cibo?

I sintomi di intossicazione alimentare possono variare da persona a persona e persino variare in base alla causa dell'avvelenamento da cibo, ma sintomi comuni di intossicazione alimentare includono crampi addominali, diarrea, vomito, sudorazione, vertigini, lacrimazione negli occhi, eccessiva salivazione, confusione mentale e dolori di stomaco.

Altri sintomi gravi e rari di intossicazione alimentare include parziale perdita della parola, visione offuscata, debolezza muscolare, difficoltà a deglutire, secchezza delle fauci e paralisi muscolare.

Quando vedere un medico per intossicazione alimentare?

Dovresti consultare un medico per confermare la diagnosi di intossicazione alimentare appare anche come altre condizioni, quindi è più sicuro escluderlo. Dovresti essere a conoscenza dei sintomi legati alla disidratazione e alla febbre, poiché questi sono molto seri e richiedono cure mediche.

Rivolgiti immediatamente al medico se inizia a notare quanto segue:

  • Segni di disidratazione, come occhi infossati, bocca secca o diminuzione della minzione
  • diarrea che dura più di due giorni ed è molto grave
  • dolore addominale grave
  • vomito significativo o nausea
  • nero, tarry o feci sanguinolente
  • Febbre superiore a 102 ° F
  • Segni di avvelenamento da sostanze chimiche o tossine, tra cui lacrimazione degli occhi, salivazione, confusione, mal di stomaco o vertigini, che si verificano di solito entro 30 minuti da un pasto

Consultare il medico se si verificano i più gravi e rari sintomi sopra elencati.

Prevenzione intossicazione alimentare e rimedi casalinghi

Se vuoi continuare a gustare il cibo senza finire in ospedale, segui questi suggerimenti per evitare che si verifichi un'intossicazione alimentare:

  • Lavare sempre le tue mani prima di maneggiare il cibo e nel maneggiare il cibo in modo diverso d.
  • Lavare sempre i taglieri e le superfici su cui sono stati collocati i cibi.
  • Utilizzare diversi taglieri per diversi alimenti.
  • Separare la carne dagli altri ingredienti.
  • Cuocere accuratamente i cibi.
  • Tenere il frigorifero al di sotto di 41 gradi Fahrenheit.
  • Lasciare raffreddare rapidamente gli avanzi - entro 90 minuti e conservarli in frigorifero.
  • Seguire sempre le date "da consumarsi prima", specialmente con i prodotti caseari.

Trattamento di base di intossicazione alimentare sta reintegrando i liquidi persi e prendendo antibiotici. L'acqua potabile potrebbe non essere sufficiente per ripristinare completamente il corpo con nutrienti persi, come il potassio e il sodio, quindi bere una bevanda sportiva arricchita può essere più utile. Gli antibiotici, d'altra parte, sono solitamente prescritti quando i sintomi sono gravi e un medico può determinare l'esatto ceppo di batteri. Se i sintomi di intossicazione alimentare non sono gravi, possono essere utili medicinali da banco per alleviare la diarrea e i crampi allo stomaco.

I rimedi naturali per l'avvelenamento da cibo comportano l'evitare di mangiare pasti più abbondanti e pesanti di bistecca e patate per un po '. Attaccare oggetti come banana e pane tostato sarà più facile sul tuo stomaco. Evita il fumo, l'alcol, la caffeina, i latticini e cibi molto conditi - il blander l'alimento, meglio è. Riposa il più possibile. Senza mangiare come fai normalmente, sarai più debole, quindi è meglio non sforzarti ancora di più. Il colore, forma e odore della tua cacca urla lo stato attuale della tua salute, e quindi il soggetto delle feci ha sicuramente bisogno di più attenzione. Terrificante, ma vero!

Questi suggerimenti possono aiutarti a ottenere il massimo dal tuo cibo in modo sicuro. Il cibo dovrebbe fornirci nutrienti ed energia, non un viaggio in ospedale. Essendo consapevoli di come gestiamo e prepariamo il cibo, possiamo prevenire l'intossicazione alimentare e continuare a gustare quei pasti gustosi e sani. E nel caso in cui sviluppi intossicazione alimentare, lasciandola passare e non aggiungendo stress a te stesso, ti rimetterai in piedi in un attimo.

Mangiare formaggi stagionati, funghi o mais può prevenire il cancro al fegato e aumentare la durata della vita: Studio
Detoxing - Quanto è buono per una migliore digestione?

Lascia Il Tuo Commento