Quanto è diffusa la spondilosi cervicale (artrosi cervicale)? Cause, sintomi e trattamento dell'artrite del collo
Rimedi Naturali

Quanto è diffusa la spondilosi cervicale (artrosi cervicale)? Cause, sintomi e trattamento dell'artrite del collo

Spondilosi cervicale, anche nota come l'artrosi cervicale o l'artrite cervicale, può essere una condizione dolorosa e debilitante, ma con cure e trattamenti adeguati, molte persone che ne soffrono possono condurre una vita normale.

La spondilosi cervicale è comune quando le persone invecchiano. Non si sente molto il termine perché la maggior parte delle persone si riferisce ad esso come cervicale artrosi o artrite del collo. La condizione colpisce oltre l'85% delle persone di età superiore ai 60 anni. Alcune persone hanno un caso lieve e manifestano pochi o nessun sintomo, mentre altri hanno dolore e rigidità cronici e gravi. La condizione è essenzialmente quella che colpisce le articolazioni e i dischi del collo.

Anatomia del rachide cervicale

La regione cervicale della colonna vertebrale si trova al collo e formata da sette vertebre. Sono annotati dalla lettera "C" e numerati da uno a sette. Le prime due vertebre cervicali, C1 e C2, sono altamente specializzate e hanno nomi unici: atlante e asse, rispettivamente. La ragione per cui queste due vertebre sono di maggiore interesse è che forniscono un insieme unico di articolazioni che forniscono un grande grado di mobilità per il cranio. Circa il 50 percento della flessione-estensione del collo avviene tra l'occipite del cranio e C1. La rotazione del collo avviene tra C1 e C2. A differenza di altre parti della colonna vertebrale, la regione cervicale ha una vasta gamma di mobilità.

Prevalenza della spondilosi cervicale

La spondilosi cervicale è la causa più comune di paraparesi spastica non traumatica e quadriparesi. Un rapporto ha rilevato che il 23,6% dei pazienti che presentavano sintomi mielopatici non traumatici presentavano mielopatia cervicale spondilotica.

Sebbene non siano stati prodotti dati significativi, sembra che la spondilosi cervicale colpisca i maschi prima delle femmine. Uno studio che utilizzava prove radiologiche ha rilevato che la prevalenza della spondilosi cervicale nei maschi era del 13% nella terza decade. Questa percentuale ha raggiunto quasi il 100 per cento all'età di 70 anni. La prevalenza nelle donne era compresa tra il 5% nella quarta decade di vita e il 96% quando raggiungeva i 70 anni.

Spondilosi cervicale: cause e fattori di rischio

Abbiamo tutti ossa e cartilagine protettiva intorno al nostro colli, che sono soggetti a usura. Questa usura è ciò che porta alla spondilosi cervicale. Il modo in cui il deterioramento si verifica varia da persona a persona. Ci possono essere molte cause diverse di spondilosi cervicale.

Speroni ossei: A volte, una crescita eccessiva dell'osso può verificarsi mentre il corpo sta cercando di far crescere l'osso extra per contribuire a rafforzare la colonna vertebrale. L'osso extra può spingere contro il midollo spinale e i nervi.

Dischi disidratati: Il materiale gelatinoso all'interno dei dischi tra le ossa può seccarsi nel tempo. Questo fa sì che le ossa si sfregano insieme. Questo asciugamento inizia tipicamente intorno ai 40 anni.

I dischi erniati: I dischi vertebrali possono sviluppare fessure, che permettono al materiale del cuscino di fuoriuscire e premere sul midollo spinale e sui nervi.

Lesioni: Una caduta, un incidente d'auto o qualsiasi ferita al collo può accelerare l'invecchiamento.
Rigidità dei legamenti: le corde che collegano le ossa del midollo spinale possono diventare rigide nel tempo e rendere difficile il movimento del collo.

Uso eccessivo: Usura precoce e lacrime possono verificarsi se l'occupazione o gli hobby di qualcuno comportano movimenti ripetitivi o sollevamento pesante.

Ci sono fattori di rischio da considerare per la spondilosi cervicale. Mentre i dischi erniati, la disidratazione e gli speroni ossei sono dovuti all'invecchiamento, ci sono altri fattori che possono aumentare il rischio di artrite al collo. Ad esempio, le lesioni al collo possono accadere in qualsiasi fase della vita, le attività lavorative come il sollevamento possono accadere a varie età, così come tenere il collo in una posizione scomoda per lunghi periodi di tempo può portare a stress sull'articolazione e legamenti. Gli studi dimostrano che anche la genetica gioca un ruolo. Coloro che fumano e quelli che sono in sovrappeso hanno anche un rischio maggiore di contrarre la spondilosi cervicale.

Quali sono i sintomi dell'osteoartrite cervicale

Come accennato sopra, i sintomi della spondilosi cervicale sono diversi per ogni individuo. Tuttavia, ecco alcuni segni e sintomi comuni.

  • Rigidità del collo
  • Dolore al collo
  • Mal di testa (proveniente dal collo)
  • Dolore alle braccia o alle spalle
  • Difficoltà a girare la testa o piegare il collo
  • Una sensazione di frantumazione o rumore quando si gira il collo

Sfortunatamente, ci sono alcune situazioni in cui la spondilosi cervicale provoca una pressione sul midollo spinale. Questa è una condizione chiamata mielopatia. Le persone con mielopatia possono anche manifestare alcuni dei seguenti sintomi.

  • Formicolio o intorpidimento di braccia, mani, gambe o piedi
  • Mancanza di coordinazione
  • Riflessi anormali
  • Spasmi muscolari
  • Incontinenza

È anche possibile qualcosa chiamato radiculopatia cervicale. Ciò si verifica quando gli speroni ossei spingono sui nervi mentre escono dalle ossa della colonna vertebrale. Ciò può causare dolore abbattendo una o entrambe le braccia.
Se tu o qualcuno che conosci sperimenta un improvviso insensibilità o formicolio alla spalla, alle braccia o alle gambe, o ha problemi di controllo della vescica, l'attenzione medica dovrebbe essere cercata al più presto

Complicazioni della spondilosi cervicale

Radicolopatia cervicale (Sindrome di Tipo I)

Caratterizzata da dolore al collo con radiazioni all'estremità superiore che causa dolore, debolezza e / o intorpidimento. Questa condizione può essere il risultato di una compressione combinata e di un'infiammazione del nervo spinale.

Mielopatia cervicale (sindrome di tipo II)

Caratterizzata da debolezza in tutte e quattro le estremità con un apprezzamento ridotto o assente del dolore, tocco, vibrazione, o senso della posizione. I riflessi possono essere normali o possono presentare un clono della caviglia autosufficiente (movimento ritmico). I muscoli sembrano essere rigidi a causa dell'aumento del tono muscolare. Questo può anche estendersi al rivestimento muscolare della vescica, causando un aumento della frequenza urinaria, specialmente di notte.

Sindrome di tipo III

Questa condizione comprende una serie di diverse eziologie, ma hanno in comune una disfunzione articolare dolorosa nella colonna vertebrale. La sindrome di tipo III è caratterizzata da dolore al collo e radiazioni a una o più delle seguenti: scapola mediale, parete toracica, zona della spalla e testa.

Come diagnosticare l'artrite del collo?

Di solito viene una diagnosi di spondilosi cervicale dopo che un medico ha escluso altre condizioni. Per esempio, alcune persone potrebbero pensare di soffrire di artrosi cervicale, ma potrebbero avere solo fibromialgia.

Un medico inizierà testando il movimento e determinando se le ossa, i muscoli oi nervi sono interessati. Uno specialista ortopedico potrebbe essere coinvolto nella diagnosi. Una volta condotto un esame fisico, i test saranno probabilmente ordinati. Questi test sono progettati per esaminare i riflessi di una persona, rilevare il range di movimento, controllare la debolezza muscolare e cercare eventuali deficit sensoriali. Se si sospetta una spondilosi cervicale, possono essere eseguiti i seguenti test.

  • Raggi X - controlli per speroni ossei o altre anomalie
  • TAC - fornisce immagini dettagliate del collo
  • RM - aiuta a localizzare i nervi pizzicati ed evidenzia alcune aree della colonna vertebrale.
  • EMG (elettromiografia) - controlla il funzionamento dei nervi
  • Studio di conduzione nervosa - controlla la velocità e la lunghezza dei segnali inviati dai nervi.

Trattamento della spondilosi cervicale

Nessuno vuole vivere in costante dolore o essere limitato nelle attività quotidiane. Trattare la spondilosi cervicale significa alleviare il dolore e aiutare le persone a mantenere le loro normali attività. Si tratta anche di aiutare le persone a prevenire ulteriori lesioni o problemi permanenti del midollo spinale. Diamo un'occhiata ad alcuni dei trattamenti possibili, tenendo presente che l'approccio dipende dalla gravità delle condizioni di ogni individuo.

  • Farmaci s - I medici possono prescrivere antinfiammatori per alleviare il dolore e l'infiammazione, corticosteroidi come il prednisone a alleviare il dolore, rilassare i muscoli per alleviare gli spasmi muscolari del collo, i farmaci antiepilettici al dolore sordo dei nervi danneggiati, gli antidolorifici prescritti come Percocet o gli antidepressivi che sono noti per alleviare il dolore al collo.
  • Terapia - I fisioterapisti possono guidare una persona attraverso esercizi per allungare e rafforzare il collo. Alcune persone traggono beneficio dall'uso della trazione.
  • Agopuntura - Stimolare determinati punti del collo con aghi per incoraggiare il sollievo dal dolore.
  • Chirurgia - Questo può comportare la rimozione di un'ernia del disco o dello sperone osseo, rimozione parte di una vertebra o fusione di un segmento del collo. La chirurgia è di solito l'ultima risorsa.

Cambiamento nello stile di vita per la spondilosi cervicale

Naturalmente, le persone vogliono evitare l'intervento chirurgico, ma alcune persone preferiscono rivolgersi a rimedi casalinghi spondilosi cervicale piuttosto che a farmaci tradizionali. Molte persone con lieve artrite al collo hanno scoperto che i rimedi casalinghi sono molto utili. Ad esempio, le persone che sono in grado di mantenere una sorta di esercizio su base giornaliera possono fare bene. Questo potrebbe essere qualcosa di semplice come camminare ogni giorno. Altri ritengono che il calore o il ghiaccio possano dare un grande sollievo. A volte, un tutore morbido collo è proprio quello che i muscoli del collo hanno bisogno di riposare. Un tutore per il collo dovrebbe essere indossato solo per brevi periodi di tempo, altrimenti indebolirà i muscoli del collo nel corso del tempo.

Mentre non possiamo fermare il processo di invecchiamento, possiamo adottare misure per proteggere la nostra struttura scheletrica. Molti reumatologi e specialisti ortopedici suggeriscono che evitiamo di impegnarci costantemente in attività che fanno pressione sul collo, evitare di sollevare pesi pesanti quando possibile, fare brevi pause tra lavoro e altre attività per far riposare il collo, soddisfare il nostro apporto giornaliero di calcio, rimanere idratati e consumare molta frutta e verdure a foglia verde.

Esercizi per la spondilosi cervicale

Posizione dormiente

La posizione peggiore è sullo stomaco in quanto provoca la distorsione del collo, causando tensione al collo e disallineamento delle articolazioni per tutta la notte. Si raccomanda di dormire sulla schiena senza un cuscino per favorire la naturale curva della colonna vertebrale.

Abhayasana

Inizia sedendo a gambe incrociate sul pavimento con entrambi i piedi sulla coscia (padmasana). Alza la mano destra lateralmente fino a quando non raggiunge il livello delle spalle. Posiziona la mano sinistra sul ginocchio sinistro, formando un anello con il pollice e l'indice (gyan mudra). Ora gira la testa verso il lato sinistro e mantieni questa posizione. Ripeti dal lato opposto.

Pranayam

Inizia sedendo sul pavimento con le gambe incrociate (sukhasana) e appoggiando entrambe le mani sul ginocchio mentre fai un anello con il pollice e l'indice (gyan mudra). Chiudi gli occhi e rallenta inspirando ed espirando mentre ti concentri sulla respirazione. Fallo 10 volte e poi riposa.

Bhramori

Inizia sedendo sul pavimento a gambe incrociate (sukhasana) e tenendo l'indice su entrambe le mani all'interno delle rispettive orecchie. Ora chiudi gli occhi e pronuncia la parola "AUM" mentre espiri. Fai questo 10 volte.

Meditazione

Inizia sedendo a gambe incrociate sul flusso con entrambi i piedi sulla tua coscia (padmasana) e appoggiando entrambe le mani sul ginocchio mentre fai un anello con il pollice e l'indice (gyan mudra). Chiudi gli occhi e concentrati su un oggetto singolare. Puoi anche concentrarti sulla respirazione mentre mediti per due minuti.

DO

  • Sedersi con una buona postura quando si è seduti per lunghe ore su una sedia o in piedi
  • Ridurre la tensione sul collo e sulla colonna vertebrale praticando Pranayam e meditazione
  • bere latte e prodotti a base di latte poiché sono ricchi di calcio

NON FARE

  • Evitare esercizi di flessione in avanti. Questi possono includere jogging e corsa.
  • Evitare di prendersi cura di borse pesanti ed evitare di sollevare pesi
  • Evitare di sedersi su sedie o letti troppo morbidi
Perché non dovresti soffrire per sempre di questi sintomi
Infiammazione della prostata (prostatite): cause, sintomi e trattamento

Lascia Il Tuo Commento