Una dieta ricca di grassi e zuccheri riduce l'imaging diagnostico della sarcoidosi cardiaca
Salute

Una dieta ricca di grassi e zuccheri riduce l'imaging diagnostico della sarcoidosi cardiaca

Una dieta ricca di grassi e zuccheri bassi migliora l'imaging diagnostico della sarcoidosi cardiaca. Precedentemente, diagnosticare la sarcoidosi cardiaca utilizzando i test di imaging era impegnativo in quanto le immagini non erano chiare. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti assumono una dieta ricca di grassi e zuccheri fino a 72 ore prima che il test aiuti a migliorare la chiarezza delle immagini, il che a sua volta migliora l'accuratezza della diagnosi.

La sarcoidosi è una condizione infiammatoria che colpisce vari organi, polmoni e linfonodi in particolare. La sarcoidosi cardiaca è la seconda causa di morte nei pazienti con sarcoidosi. Il corrispondente autore, il dott. Yang Lu, ha spiegato: "Fino ad ora la diagnosi è stata fatta da un esperto in base ai risultati di diverse tecniche di test, inclusa l'imaging. Ma ciò che mostrano queste scansioni è spesso ambiguo, e quindi usarle per diagnosticare definitivamente la sarcoidosi cardiaca è problematico. Attualmente non esiste un gold standard per la diagnosi della sarcoidosi cardiaca. "

La diagnosi di sarcoidosi cardiaca spesso comporta scansioni con tomografia a emissione di positroni (PET) e tomografia computerizzata (CT), ma i risultati sono spesso difficili da interpretare.

Per le scansioni i pazienti devono essere prima iniettati con un tracciante radioattivo di breve durata chiamato fluorodesossiglucosio (FDG), che è simile al glucosio. FDG si concentra nelle cellule ad alto tasso metabolico (ad es., Cellule tumorali, neuroni) e cellule affette da infiammazione.

Al fine di ridurre la quantità di zucchero e FDG assorbita dalle cellule sane del cuore, ai pazienti viene spesso chiesto di consumare dieta grassa e povera di zuccheri 24 ore prima del test. Le cellule cardiache sane usano il grasso per il carburante in modo che le cellule colpite dalla malattia utilizzino lo zucchero e quindi risaltino più chiaramente sulle immagini risultanti.

Dr. Lu ha aggiunto: "Quando abbiamo usato questo metodo, abbiamo notato che i risultati non erano soddisfacenti. L'imprevedibile assunzione di FDG da parte di cellule cardiache sane rende difficile la lettura delle scansioni. "Quasi la metà delle scansioni precedute dalle 24 ore della dieta speciale non erano utili per la diagnosi.

Un paziente ha seguito la dieta per due giorni invece di uno e i suoi risultati di imaging erano più chiari. A quel punto, i medici erano molto più sicuri di diagnosticare la sarcoidosi cardiaca sulla base dei test di imaging.

In seguito a questi risultati, i ricercatori hanno voluto determinare se 72 ore sulla dieta avrebbero migliorato ulteriormente i risultati di imaging. Rispetto al gruppo di dieta di 24 ore con il 42% che ha risultati indeterminati, il gruppo di dieta di 72 ore aveva solo il 4% dei pazienti con risultati non chiari. Ciò suggerisce che essere sulla dieta ipolipidica con un alto contenuto di grassi per un periodo più lungo aiuta a migliorare l'accuratezza della diagnosi.
Dr. Lu ha concluso: "Seguendo la dieta per tre giorni invece di uno, è stata soppressa l'imprevedibile ma normale assorbimento di zucchero da parte di cellule cardiache sane, quindi potremmo essere più fiduciosi che le aree in cui è stato rilevato l'FDG avessero un'alta probabilità di essere colpite dalla sarcoidosi, e questo ha ridotto al minimo il numero di risultati indeterminati in cui non possiamo fare una diagnosi. "

Consigli per le neo mamme
I virus prosperano tra le famiglie numerose: Studio

Lascia Il Tuo Commento