Rischio di malattie cardiache ridotto con grassi insaturi e carboidrati di alta qualità: Studio
Salute

Rischio di malattie cardiache ridotto con grassi insaturi e carboidrati di alta qualità: Studio

Il rischio di malattie cardiache è ridotto con grassi insaturi e carboidrati di alta qualità. Lo studio ha rilevato che la sostituzione dei grassi saturi con carboidrati di alta qualità ha avuto il maggiore impatto sulla riduzione del rischio di malattie cardiache. Nessun beneficio è stato osservato quando i ricercatori hanno sostituito i grassi saturi con alimenti altamente trasformati.

Autore dello studio e professore di nutrizione Frank B. Hu ha spiegato, "Molti medici potrebbero beneficiare di una conoscenza nutrizionale più approfondita per aiutarli a consigliare i loro pazienti sul cambiamento delle loro pratiche dietetiche in un modo che avrà un impatto sulla loro salute. In particolare, abbiamo scoperto che quando i partecipanti allo studio consumavano meno grassi saturi, li sostituivano con carboidrati di bassa qualità come i cereali raffinati che non sono utili per prevenire le malattie cardiache. I nostri risultati suggeriscono che quando i pazienti stanno apportando cambiamenti di stile di vita alla loro dieta, i cardiologi dovrebbero incoraggiare il consumo di grassi insaturi come oli vegetali, noci e semi, nonché carboidrati sani come i cereali integrali. "

I ricercatori hanno analizzato i dati di 121.701 infermiere si sono iscritte a uno studio a lungo termine, insieme a 51.529 uomini. Hanno inoltre seguito 82.628 donne e 42.908 uomini che erano liberi da diabete, malattie cardiovascolari e cancro. I ricercatori hanno documentato 7.667 casi di malattia coronarica.

I partecipanti hanno fornito informazioni sulla loro dieta, stile di vita e storia medica.

I ricercatori hanno osservato che i partecipanti hanno scambiato l'assunzione di grassi saturi con carboidrati di bassa qualità, inclusi pane bianco e patate, invece di sostituirlo con carboidrati di alta qualità o grassi insaturi. La sostituzione del 5% di grassi saturi con un equivalente di grassi polinsaturi, grassi monoinsaturi o carboidrati di alta qualità era associata a una riduzione del 25%, 15% e 9% nelle malattie cardiache, rispettivamente.

I ricercatori raccomandano di cucinare con l'oliva olio, olio di canola o altri oli vegetali piuttosto che burro, strutto o margarina, scambiando spuntini non salutari come patatine con le noci e producendo panini con pane integrale, avocado e petto di pollo piuttosto che con formaggio e salumi.

Come per prevenire le malattie cardiache naturalmente

Le malattie cardiache non sono una parte inevitabile dell'invecchiamento e possono essere prese misure per proteggere meglio il cuore e prevenire le malattie cardiache. Per cominciare, è imperativo che ti muovi. Numerosi studi hanno indicato che l'esercizio fisico è un ottimo modo per prevenire le malattie cardiache.

Uno studio in particolare ha esaminato quattro esercizi e 12 meta-analisi di farmaci che comprendevano 305 studi clinici e un totale di 339.274 partecipanti. i risultati dell'analisi attuale hanno mostrato che non vi era alcuna differenza statistica tra i benefici dell'esercizio, rispetto alla terapia farmacologica, per i pazienti con malattie cardiache o prediabete. Per quegli individui che si riprendevano dall'ictus, l'esercizio fisico era una terapia più efficace, rispetto ai farmaci. Tuttavia, la terapia farmacologica, sotto forma di diuretici, era più efficace dell'esercizio per i pazienti con insufficienza cardiaca.

I medici e i pazienti possono sottovalutare l'impatto dell'esercizio sulle malattie cardiache e il diabete semplicemente perché la ricerca di supporto è limitata. Non lasciare che questo ti impedisca di diventare più attivo.

Per i medici che prescrivono esercizi a pazienti con malattie cardiache e prediabete, è necessario effettuare ulteriori ricerche e i risultati messi a disposizione di tutti i professionisti del settore medico.

Un altro consiglio per la prevenzione delle malattie cardiache segue una dieta per la prevenzione delle malattie cardiache e la dieta mediterranea sembra essere la migliore opzione finora. Nella rivista, pubblicata sull'American Journal of Medicine, i ricercatori hanno analizzato studi risalenti al 1957 che includevano legami tra cibo e malattie cardiache.

La revisione ha rivelato che i livelli elevati di colesterolo sono associati a un'assunzione elevata di grassi saturi, aumentando il rischio di malattia coronarica.

Ormai conosciamo l'importanza di mantenere il colesterolo basso, e l'American Heart Association raccomanda di consumare meno di 30 Percentuale di calorie giornaliere da grassi e meno del 10% da grassi saturi - comunemente presenti nelle carni rosse e nei latticini.

Anche se i ricercatori sapevano che una dieta a basso contenuto di grassi era ottimale per la salute del cuore, credevano anche un intero approccio, come visto nella dieta mediterranea, può avere successo anche per ridurre il rischio di attacco cardiaco.

Il ricercatore Dr. James E. Dalen ha detto

, "Quasi tutte le sperimentazioni cliniche negli anni '60, '70 e '80 rispetto al solito diete a quelli caratterizzati da basso contenuto di grassi totali, basso contenuto di grassi saturi, basso colesterolo nella dieta e aumento dei grassi polinsaturi. Queste diete hanno ridotto i livelli di colesterolo. Tuttavia, non hanno ridotto l'incidenza di infarto miocardico o di decessi per malattia coronarica. "" Gli interventi nutrizionali hanno dimostrato che un approccio di "dieta completa" con uguale attenzione a ciò che è consumato e ciò che è escluso è più efficace in prevenzione delle malattie cardiovascolari rispetto alle diete a basso contenuto di grassi e colesterolo basso, "

concluso Dr. Dalen. Altri consigli di prevenzione includono il mantenimento di un peso sano, il controllo della pressione sanguigna, del colesterolo e dei livelli di zucchero nel sangue, riducendo lo stress, osservandoti l'assunzione di alcol e non fumando.

Giornata mondiale della psoriasi 2016: vitiligine, dieta priva di glutine, malattie cardiache, morbo di Alzheimer e morbo di Crohn
I farmaci per la depressione e il morbo di Alzheimer possono incrementare il recupero nei pazienti con ictus

Lascia Il Tuo Commento