Il dolore ora considerato un disturbo
Organi

Il dolore ora considerato un disturbo

Se hai mai perso un amore, probabilmente hai attraversato il processo di lutto. Il lutto è il termine usato per il dolore che la maggior parte delle persone sperimenta quando subiscono una perdita significativa. Fino a poco tempo fa, il processo del lutto era considerato una "normale" risposta umana alla perdita. Tuttavia, potrebbe essere considerato un disturbo psichiatrico nella prossima edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V). L'American Psychiatric Association sta attualmente rivedendo i criteri per la depressione e considerando l'espansione per includere il lutto. Ciò consentirebbe una diagnosi di una grave depressione immediatamente dopo la perdita di una persona cara.

Ci sono due lati dell'argomento dell'inclusione del lutto / del lutto nel DSM-V. Quelli contro l'inclusione del dolore affermano che porterà a troppe persone diagnosticate con un disturbo psichiatrico inaccurato o non necessario. Essere diagnosticati con un disturbo psichiatrico può far stigmatizzare le persone. Questo, a sua volta, farà sentire le persone che il loro lutto nei confronti di una persona amata non è un processo normale perché il loro comportamento è classificato come patologico. Inoltre, quando a un individuo viene diagnosticata una malattia psichiatrica vengono generalmente trattati con farmaci prescritti. Uno dei principali motivi di preoccupazione è che gli individui possono essere trattati con farmaci non necessari che hanno gravi effetti collaterali e complicazioni.

Poi ci sono quelli che sentono il dolore dovrebbe essere incluso nel DSM-V. Sostengono che la depressione è sottovalutata nella società. Di conseguenza, molte persone che soffrono di depressione non ricevono il trattamento di cui hanno bisogno. L'inclusione del dolore nel DSM-V consentirà alle persone che hanno bisogno di cure per ottenerlo molto prima di quanto avrebbero se non fosse stato incluso. Inoltre, i trattamenti per i disturbi che sono inclusi nel DSM-V saranno coperti dai vettori assicurativi.

Ci sono ragioni convincenti su entrambi i lati della discussione con ogni medico che decide da solo quale lato della recinzione deve essere sopra. È vitale che le persone ricordino che il dolore è una risposta universale alla perdita; tuttavia, non esiste un modo "giusto" di lamentarsi. Ogni cultura ha i propri rituali quando si tratta di perdita e ogni persona ha le proprie emozioni e comportamenti individuali durante il processo di lutto. Oltre a una risposta individualizzata alla perdita, la durata del processo di lutto per ogni persona è diversa. Anche il grado di compromissione della vita di una persona differisce da persona a persona. Non c'è una linea distinta che separi coloro che stanno vivendo il dolore normale e quelli che sono bloccati con complicata depressione e dolore. Questo è il motivo per cui i medici devono esaminare l'intera immagine prima di etichettare un paziente con un disturbo psichiatrico.

È importante ricordare che anche se il dolore è incluso come disturbo nella prossima versione del DSM, i criteri non sono scolpito nella pietra. Tra qualche anno, i criteri verranno nuovamente esaminati e adeguati di conseguenza.

Test di memoria per Alzheimer
Rischio di mortalità per malattia da fegato grasso non alcolico predetto misurando steatosi, attività e fibrosi

Lascia Il Tuo Commento