Non ignorare le 3 principali cause di infiammazione
Salute

Non ignorare le 3 principali cause di infiammazione

L'osteoartrite riguarda l'infiammazione delle articolazioni, con conseguente rigidità articolare e dolore. Questo disturbo muscolo-scheletrico è stato segnalato per colpire quasi il 40% della popolazione anziana in tutto il mondo. Le organizzazioni sanitarie sono state preoccupate per il numero crescente di casi di osteoartrosi perché è risaputo che questa condizione associata a infiammazione, dolore e deterioramento della qualità della vita tra gli anziani. Nei casi più gravi di osteoartrite, si verifica una disabilità, che richiede quindi assistenza nell'esecuzione dei compiti quotidiani.
LETTURA CORRELATA: Nuove informazioni sul morbo di Parkinson

Sia i medici che gli scienziati hanno intrapreso ricerche approfondite sulle cause dell'osteoartrosi, nella speranza che le cause primarie di rigidità articolare e infiammazione possano alleviare il livello di dolore che le persone anziane sperimentano. Precedenti ricerche hanno dimostrato che l'artrosi può essere causata da due fattori principali, vale a dire variabili genetiche che possono cambiare da un individuo all'altro, oltre a fattori ambientali, che consistono nella qualità dell'aria, l'esposizione a sostanze chimiche e il tipo di cibo consumato su base regolare.

Secondo un recente rapporto medico pubblicato sulla rivista Lancet, l'osteoartrite può essere causata da mutazioni in almeno cinque geni nelle cellule del corpo. I ricercatori dello studio genetico hanno spiegato che le mutazioni sono piccoli cambiamenti all'interno della sequenza dell'acido desossiribonucleico (DNA) della cellula, che a sua volta può innescare modificazioni in specifiche proteine ​​che svolgono ruoli importanti nel funzionamento del corpo.

L'approccio genetico Infiammazione

L'approccio genetico condotto nello studio ha coinvolto l'isolamento del DNA da circa 7.410 pazienti che erano stati diagnosticati con osteoartrosi e che soffrivano di infiammazione, rigidità articolare e dolore per diversi anni. Questi partecipanti allo studio sono stati selezionati in base alla gravità del loro dolore, di cui circa l'80% era già stato sottoposto a sostituzione dell'articolazione nel ginocchio o nell'anca. Come controllo, circa 11.009 individui sani sono stati invitati a partecipare allo screening genetico.

I risultati dello studio hanno mostrato che il gene GNL3 era comunemente mutato tra i pazienti con osteoartrosi. Questo gene è responsabile della produzione della proteina nucleostemina, che svolge un ruolo importante nel controllo della divisione cellulare e nella maturazione di varie cellule immature. Una mutazione nel gene GNL3 può quindi determinare una mancanza di cellule che possono sostituire quelle difettose, in particolare i condrociti o le cellule della cartilagine, che sono fortemente associate all'infiammazione delle articolazioni e al dolore nell'osteoartrite. Questo risultato ha suggerito che il deterioramento della cartilagine e delle ossa di un individuo può aumentare la probabilità di infiammazione e dolore allo sviluppo, caratteristiche tipiche dell'osteoartrite.

Controllo del guadagno di peso per prevenire il dolore e l'infiammazione

Un altro gene identificato in il test di screening era il gene FTO, che è responsabile per l'insorgenza dell'obesità e della deposizione di grasso. L'analisi ha dimostrato che alcune varianti del gene FTO possono aumentare la probabilità di sviluppare non solo l'obesità, ma anche il diabete. Questo marker genico rafforza così le precedenti prove mediche che l'eccessivo aumento di peso può aumentare le probabilità di sviluppare un'infiammazione delle articolazioni, causando così dolore e disabilità. È quindi importante regolare la quantità di alimenti ricchi di zuccheri che vengono consumati su base regolare, per controllare in ultima analisi l'aumento di peso e prevenire l'insorgenza di rigidità articolare, dolore e infiammazione.

Lo studio - Prevenzione dell'infiammazione

Lo studio ha anche identificato il gene GLT8D1 come comunemente mutato tra i pazienti con osteoartrite. Questo gene è responsabile della produzione di un enzima chiamato glicosiltransferasi, che sposta le molecole di zucchero in acqua, probabilmente per la sua escrezione o assorbimento nel corpo. Una mutazione in questo gene può comportare una scarsa capacità di trasferire molecole di glucosio, aumentando così le probabilità di mantenere il glucosio nel corpo, che è uno dei principali sintomi del diabete.

Il recente rapporto medico ha dimostrato che esistono numerosi geni associati ai sintomi dell'osteoartrite, come quelli che comportano la produzione di cellule cartilaginee, la deposizione di grasso e la regolazione del corpo. È quindi possibile adattare i cambiamenti dello stile di vita che possono rallentare il tasso di insorgenza dei sintomi dell'osteoartrosi e, in definitiva, prevenirne l'insorgenza.

5 Miti di salute comuni sfatati
Un nuovo trattamento aiuta l'invecchiamento degli occhi

Lascia Il Tuo Commento