La depressione può portare a disordini della cannabis negli adolescenti
Organi

La depressione può portare a disordini della cannabis negli adolescenti

Un nuovo studio ha rilevato un aumento del consumo di cannabis negli adolescenti che soffrivano di o depressione di alto grado precedentemente.

Lo studio e la consapevolezza dei problemi di salute mentale sono aumentati esponenzialmente negli ultimi due decenni, specialmente nei bambini e nei giovani adulti. Con questa nuova consapevolezza arriva la consapevolezza che la salute mentale può avere un impatto incredibile sul corso della propria vita. Dobbiamo considerare, quindi, fino a che punto questi disturbi psicologici possono definire l'esito della vita di un bambino.

Negli ultimi due decenni l'uso della cannabis è aumentato in popolarità. L'alcol e la cannabis sono le due sostanze più comunemente utilizzate dai giovani negli Stati Uniti. Solo nell'ultimo decennio, l'uso di marijuana è aumentato rispetto all'utilizzo di tabacco da parte degli adolescenti.

Una nuova ricerca dell'Università di Washington School of Medicine (UW) è uno dei primi studi a esaminare lo sviluppo del disturbo da uso di cannabis in relazione a depressione cumulativa. Precedenti ricerche hanno spesso collegato il disturbo dell'uso di cannabis alla depressione negli adolescenti, ma solo guardando alla depressione da un singolo punto nel tempo. Gli scienziati dell'UW hanno cercato di chiarire alcune di queste scoperte precedenti attraverso il loro studio longitudinale.

Lo studio consisteva in 521 studenti delle scuole medie di quattro scuole pubbliche di Seattle. I ricercatori hanno fatto delle valutazioni annuali con i partecipanti di età compresa tra 12 e 15 anni e poi una valutazione finale all'età di 18 anni.

Link trovato tra depressione cronica e uso di cannabis

I risultati dello studio hanno scoperto che i giovani con o grave depressione erano ad un rischio più elevato di sviluppare l'uso problematico di cannabis in seguito. I dati che hanno visto dalle loro ricerche erano sorprendentemente più alti dei livelli stimati a livello nazionale. Un totale del 21% dei partecipanti ha soddisfatto i criteri per il disturbo da uso di cannabis e un altro 20% ha incontrato i criteri per il disturbo da consumo di alcol. Queste statistiche provengono dalle valutazioni finali fatte quando i partecipanti avevano 18 anni.
I ricercatori hanno affermato che è possibile che ci siano altre ragioni per le statistiche più elevate trovate in questo studio rispetto ad altre. Washington è stato uno dei primi stati ad aver legalizzato l'uso di marijuana medica, nel lontano 1998. È possibile che un accesso più facile alla sostanza sia un fattore nei risultati di questo studio. L'uso di marijuana è anche una delle priorità più basse per le forze dell'ordine nella città di Seattle, il che significa che gli adolescenti potrebbero essere meno preoccupati dei rischi associati alla cattura della sostanza.

Gli scienziati dietro a questo studio dicono che sarebbero interessati nel vedere come si fa lo stesso studio quando viene fatto in uno stato con leggi molto più severe sulla marijuana. I risultati di questo studio non sono conclusivi al 100% quando si tratta del legame tra depressione cronica nei giovani e disturbo da uso di cannabis in seguito. Tuttavia, non sono i primi a trovare l'associazione come risultato di studi simili fatti in passato. Ulteriori ricerche saranno necessarie per determinare tutti i fattori in gioco quando si tratta di sviluppare il disturbo da uso di cannabis.

La steatoepatite non alcolica (NASH) legata a un intestino permeabile, può progredire nella fibrosi epatica e nella cirrosi
Il rischio di cirrosi aumenta con l'alcol quotidiano: Studio

Lascia Il Tuo Commento