Il colesterolo ha trovato un ruolo chiave nell'aiutarci a respirare
Salute

Il colesterolo ha trovato un ruolo chiave nell'aiutarci a respirare

Il colesterolo è conosciuto dalla maggior parte delle persone come grasso come sostanza che ostruisce le arterie, portando a problemi cardiaci. Mentre questo è vero, il colesterolo è in realtà un componente vitale della fisiologia umana. Il tuo corpo ha bisogno della sostanza per produrre vari ormoni, vitamina D, e secondo una nuova ricerca, esiste sulla superficie del polmone, giocando un ruolo chiave nella respirazione.

Il colesterolo è spesso visto come un impatto negativo sulla nostra salute, ma questo è solo quando si trovano livelli elevati nel corpo. Gran parte di questo eccesso di colesterolo è attribuito a diete povere e alla mancanza di esercizio fisico. Quando si trova troppo colesterolo nel flusso sanguigno, lo sviluppo dei depositi di grasso si verifica nel rivestimento dei vasi sanguigni. Alla fine, questi depositi rendono difficile il flusso di sangue, portando alla privazione di ossigeno al cuore e ad altri organi.

I polmoni e il colesterolo

I nostri polmoni fungono da area di scambio di ossigeno e anidride carbonica. Quando respiriamo, inaliamo aria che riempie piccoli sacchi d'aria chiamati alveoli. Coprire queste sacche è un film su scala nanometrica chiamato surfattante, che consente agli alveoli di espandersi e sgonfiarsi di conseguenza. Influisce anche sul trasporto di varie molecole tra l'aria e i vasi sanguigni del corpo.

I ricercatori hanno scoperto che il colesterolo è una parte importante del surfattante. I suoi livelli nel sistema possono anche influenzare la funzione polmonare.

"Il nostro studio affronta l'effetto del colesterolo sulla superficie degli alveoli. Abbiamo ottenuto risultati sorprendentemente chiari ", afferma Emma Sparr, professore di chimica all'Università di Lund.

Lo studio ha utilizzato una tecnologia avanzata di risonanza magnetica nucleare per vedere come il colesterolo influisce sulla struttura molecolare del film sottile degli alveoli. ricercatori per ottenere informazioni completamente nuove precedentemente non note su questa sostanza.

Avere questa conoscenza del coinvolgimento del colesterolo nella composizione del surfattante potrebbe essere significativo per rimediare a problemi che lo riguardano.

Potenziale per numerose applicazioni cliniche

Questo non è più apparente di quando si tratta di bambini prematuri, poiché i loro polmoni non sono maturi abbastanza da formare il loro surfattante. Per ovviare a questo, diamo loro dei tensioattivi che hanno un buon effetto nella fase acuta, ma continuano a vedere danni a lungo termine i polmoni.Il colesterolo può svolgere un ruolo chiave qui.

I ricercatori sono fiduciosi che il significato di colesterolo su questa superficie corporea può supportare la sviluppo di nuovi metodi clinici.

"L'effetto del colesterolo sulla superficie degli alveoli è molto chiaro e potrebbe eventualmente essere incluso nei preparati clinici, il che è logico in quanto il nostro tensioattivo corporeo contiene questa sostanza in livelli abbastanza significativi, "disse Marcus Larsson, un medico e ricercatore presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Lund.

Il rischio di diabete di tipo 2 aumenta a causa di questo...
Misurazioni della pressione sanguigna fai-da-te migliori per le patologie cardiache e la valutazione del rischio di ictus: Studio

Lascia Il Tuo Commento