Alcuni disturbi del sonno sono causati dalla proteina muscolare
Salute

Alcuni disturbi del sonno sono causati dalla proteina muscolare

Nel nostro mondo di tecnologia e stili di vita frenetici, i disturbi del sonno sono prevalenti e possono essere dannosi per la nostra salute. Fino ad ora, i ricercatori hanno cercato trattamenti per questi disturbi andando direttamente alla fonte: il cervello. È ampiamente accettato che il cervello sia il centro di controllo per tutti gli aspetti del sonno.

Un nuovo studio ha scoperto che alcuni disturbi possono effettivamente beneficiare di trattamenti focalizzati sui muscoli, comunque. Lo studio, condotto presso l'UT Southwestern, ha rilevato che una certa proteina nei muscoli può ridurre gli effetti della perdita di sonno. Finora, questo è stato testato solo nei topi durante questa ricerca.

La proteina muscolare provoca stanchezza quando manca

La proteina BMAL1, che è una proteina dell'orologio circadiano, si trova nei muscoli e aiuta a controllare la lunghezza e durata del sonno. La cosa interessante della proteina era che la sua presenza o assenza nel cervello non aveva alcun effetto sulla qualità del sonno dei topi. Ma quando è stato aggiunto ai loro muscoli, la proteina BMAL1 ha permesso ai topi di riprendersi dalla privazione del sonno più rapidamente.

Inoltre, quando i ricercatori hanno rimosso il BMAL1 dai muscoli dei topi, i loro normali modelli di sonno erano drasticamente perturbato. Hanno sofferto di un maggior bisogno di sonno, hanno dimostrato un sonno più profondo e hanno mostrato una ridotta capacità di recupero da privazione del sonno rispetto a quando è stato aggiunto BMAL1 ai muscoli.

I ricercatori intendono continuare la loro lavoro per sapere se questi stessi percorsi esistono negli esseri umani e se la presenza di BMAL1 è comparabile e ha lo stesso effetto sulla deprivazione del sonno, come ha fatto nei topi inclusi in questa ricerca. I topi mostrano segni evidenti che i loro muscoli comunicano con il cervello per indicare quando dormire e la qualità del sonno necessaria.

Questi risultati offrono un potenziale nuovo bersaglio per i trattamenti del disturbo del sonno. Questi trattamenti sarebbero anche utili per coloro che lavorano in ambienti che richiedono lunghi periodi di veglia, come il pilotaggio militare o commerciale. Questo studio rivoluzionario ha dimostrato che il sonno non è controllato solo nel cervello, ma anche in altre parti del corpo. La nuova evidenza di muscoli che influenzano i processi del sonno apre una nuova area di ricerca futura per gli scienziati.

La sclerosi sistemica (scleroderma) è un fattore di rischio indipendente per aterosclerosi
I tuoi geni sono responsabili della tua bassa energia?

Lascia Il Tuo Commento