Gli esami del sangue possono predire il tempo di recupero dopo l'intervento
Salute

Gli esami del sangue possono predire il tempo di recupero dopo l'intervento

Un esame del sangue prima dell'intervento può essere in grado di prevedere il tempo di recupero in pazienti. Lo studio ha rilevato che l'identificazione dello stato immunitario di un paziente con campioni di sangue prima dell'intervento chirurgico può rivelare modelli che possono aiutare a prevedere il recupero dal dolore e dalla disfunzione postoperatoria. Gli stati immuni sono la risposta di un paziente a fattori di stress, che vengono rilasciati dalle cellule durante un intervento chirurgico, traumi o lesioni.

Dr. Martin Angst, autore dello studio, ha dichiarato: "Sia i pazienti che i medici vogliono sapere quanto tempo il dolore e la disfunzione dureranno dopo l'intervento, ma la velocità con cui i pazienti si riprendono è molto variabile e diversa per ogni paziente. La nostra ricerca indica che siamo in grado di cogliere aspetti importanti della biologia di ciascun paziente che predicono in modo preciso come gestiranno e recupereranno dalla chirurgia. Ciò potrebbe in definitiva consentirci di fornire approcci personalizzati e attenti ai costi per favorire il recupero e avere un impatto importante sulla medicina perioperatoria. "

I ricercatori hanno esaminato se l'induzione delle risposte immunitarie nei campioni di sangue pre-chirurgico fosse correlata al recupero tra 25 pazienti sottoposti a anca chirurgia. Lo stato immunitario pre-chirurgico è stato trovato inducendo una risposta di segnalazione simile alla risposta del sistema immunitario durante l'intervento chirurgico. Le risposte immunitarie sono state misurate rispetto ai risultati che hanno contribuito al recupero, tra cui dolore, disfunzione dell'anca e disabilità.

Il tempo di recupero variava da giorni a settimane ei ricercatori hanno trovato una forte correlazione tra stato immunitario pre-chirurgico e la velocità dei tempi di recupero. Sebbene sia stata trovata una correlazione tra stato immunitario pre-chirurgico e recupero e dolore e disfunzione, non vi era alcuna correlazione tra stato immunitario precedente e affaticamento e disabilità risultante.

Dr. Angst ha aggiunto: "Il nostro obiettivo finale è quello di sviluppare un esame del sangue in grado di valutare gli attributi chiave del sistema immunitario del paziente, essere applicato alla pratica clinica quotidiana, essere eseguito nei normali laboratori clinici e predire il profilo di recupero di un singolo paziente. I pronostici potrebbero essere usati per consigliare i pazienti e gestire le loro aspettative o per stratificarli prima dell'intervento chirurgico assegnando ai pazienti il ​​rischio di una lenta ripresa in programmi di pre-riabilitazione o posticipando un intervento chirurgico. "

L'autore editoriale accompagnatore, James C. Eisenach, scrisse, "L'attuale studio rappresenta un importante passo in avanti nella previsione e nella potenziale manipolazione della velocità di recupero. Questo lavoro stimolerà probabilmente la ricerca per determinare se un gruppo ad alto rischio possa essere facilmente identificato per studi interventistici e se la modulazione immunitaria preoperatoria o postoperatoria, come con glucocorticoidi (steroidi), possa accelerare il recupero. "

I risultati sono stati pubblicati in Anestesiologia

Fonti:.
//www.eurekalert.org/pub_releases/2015-11/asoa-btm111915.php

7 Benefici di un massaggio
Il tuo sonno ti deruba del tuo udito?

Lascia Il Tuo Commento