Rischio di polmonite batterica nei pazienti affetti da HIV ridotto smettendo di fumare
Malattie

Rischio di polmonite batterica nei pazienti affetti da HIV ridotto smettendo di fumare

Polmonite batterica il rischio nei pazienti affetti da HIV si vede ridotto smettendo di fumare. La polmonite batterica è una condizione comune, che colpisce i pazienti HIV e, tra coloro che fumano, il rischio di sviluppare una polmonite batterica è raddoppiato.

La ricerca ha condotto una meta-analisi dei dati su diverse migliaia di pazienti HIV presi da 14 studi diversi in paesi diversi. Il fumo corrente è stato associato ad un aumento del 70-100% della polmonite batterica, rispetto ai non fumatori. Ma i ricercatori hanno scoperto che smettere di fumare ha ridotto il rischio di un terzo.

Il responsabile dello studio, il prof. Paul Aveyard, ha dichiarato: "Il trattamento antiretrovirale significa che le persone con HIV possono avere un'aspettativa di vita normale. Tuttavia, hanno ancora considerevolmente aumentato i rischi per la salute rispetto alla popolazione generale, incluso il rischio di polmonite. I nostri risultati mostrano che i fumatori con HIV hanno il doppio del rischio di polmonite batterica, ma che smettere di fumare può ridurre questo rischio. Al fine di prevenire questa malattia polmonare potenzialmente pericolosa per la vita, riteniamo che i programmi di cessazione del fumo dovrebbero essere promossi come parte del trattamento dell'HIV. "

Sintomi e fattori di rischio di polmonite batterica

Anche se chiunque può sviluppare una polmonite batterica, ci sono alcuni fattori di rischio e gruppi con un rischio maggiore. Neonati e bambini, adulti di età superiore ai 65 anni, quelli con sistema immunitario indebolito, utilizzatori a lungo termine di immunosoppressori, pazienti con BPCO o che usano corticosteroidi inalatori e fumatori hanno maggiori probabilità di sviluppare una polmonite batterica, rispetto alla popolazione generale.

I sintomi di polmonite batterica includono:

  • Tosse con muco denso giallo, verde o di sangue
  • Dolori toracici che peggiorano durante la respirazione o tosse
  • Insorgenza improvvisa di brividi
  • Febbre superiore a 102 F
  • Mal di testa
  • Dolore muscolare
  • Inspirabilità o respiro rapido
  • Grave affaticamento
  • Pelle umida e pallida
  • Confusione (di solito osservata negli anziani)
  • Inappetenza

Trattamento e gestione della polmonite batterica

Il medico confermerà la diagnosi di polmonite batterica ascoltando il torace, eseguendo esami del sangue per controllare i globuli bianchi e prendere emocolture, analizzare un campione di muco e eseguire una radiografia del torace. Una volta confermata la polmonite batterica, è possibile prescrivere antibiotici, medicine per la tosse e farmaci per la febbre per trattarla.

La polmonite batterica può essere prevenuta, in quanto esiste un vaccino disponibile per soggetti a rischio come gli anziani di età superiore a 65 e bambini. Inoltre, come con molte altre malattie, praticare un'igiene corretta come lavarsi le mani, stare lontano da chi è malato e stare a casa quando si è malati sono tutti modi per prevenire la polmonite batterica. Infine, se sei un fumatore, se hai o meno l'HIV, il rischio di polmonite batterica è maggiore rispetto a quello dei non fumatori, quindi potresti prendere in considerazione la possibilità di smettere.

Lettura correlata:

Infiammazione dovuta all'aumento dell'invecchiamento rischio di polmonite negli anziani

Secondo la nuova ricerca, l'infiammazione dovuta all'invecchiamento aumenta il rischio di polmonite negli anziani e impedisce l'efficacia del trattamento antibiotico. Dawn Bowdish, autore principale, ha dichiarato: "Sembra controintuitivo limitare le risposte infiammatorie durante un'infezione batterica, ma le osservazioni cliniche e la nostra ricerca indicano che le strategie anti-batteriche devono essere adattate all'età del paziente."

Pazienti da apnea del sonno affrontare un rischio più elevato di polmonite

Uno studio pubblicato nel Canadian Medical Association Journal (CMAJ) ha trovato un legame tra apnea del sonno e polmonite. Si è discusso sul fatto che coloro che soffrono di apnea del sonno sono a più alto rischio di polmonite. L'apnea notturna è un disturbo del sonno cronico che colpisce circa 18 milioni di americani, quindi non sei solo. Con l'apnea notturna, la respirazione inizia e si interrompe ripetutamente per tutto il ciclo del sonno.

Fonti:
//www.alphagalileo.org/ViewItem.aspx?ItemId=127697&CultureCode=en
//www.healthline.com/health/bacterial-pneumonia#Prevention7

Come evitare le allergie per le vacanze e l'asma innesca questa stagione festiva
Aggiornamento sistema immunitario 2017: Potenziamento del sistema immunitario e disturbi

Lascia Il Tuo Commento