L'inquinamento atmosferico aumenta la demenza e il rischio di ictus negli anziani, aumenta il declino cognitivo nelle donne anziane
Organi

L'inquinamento atmosferico aumenta la demenza e il rischio di ictus negli anziani, aumenta il declino cognitivo nelle donne anziane

L'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico globale sono i temi che fanno i titoli quotidiani, specialmente dopo la recente Conferenza sul clima di Parigi, ma lo sapevate che gli studi dimostrano che l'inquinamento atmosferico aumenta la demenza e il rischio di ictus negli anziani, oltre ad aumentare il declino cognitivo generale nelle donne anziane?

Uno studio pubblicato nel Journal of American Medical Association indica che un'esposizione costante all'inquinamento atmosferico potrebbe "accelerare" il declino cognitivo negli anziani. Circa 19.000 donne tra i 70 e gli 81 anni sono state incluse in uno studio che ha esaminato l'influenza dell'inquinamento atmosferico da particolato sulla salute cognitiva. I modelli sono stati sviluppati per stimare l'esposizione su un periodo di un mese e fino a sette a 14 anni. Le misure di valutazione includevano conversazioni telefoniche generali, test cognitivi di base, esami di memoria verbale, nonché test di influenza di categoria, memoria di lavoro e attenzione.

I ricercatori hanno scoperto che livelli più elevati di inquinamento atmosferico a lungo termine (esposizione a particolato) erano legati a un declino cognitivo significativamente più veloce. Infatti, i loro dati hanno mostrato che il declino cognitivo nelle donne era equivalente a qualcuno di due anni più vecchio. Essenzialmente, questo significa che le persone esposte a più inquinamento invecchiano più velocemente in un senso funzionante dal cervello.

L'inquinamento atmosferico è costituito da piccole particelle chiamate particelle. Alcuni stanno bene e altri sono grossolani. Se sono la larghezza di un capello umano, che è di circa 2,5 micron, sono considerati buoni. Le particelle tra 2,5 e 10 micron sono classificate come grossolane.
Gli esperti hanno concluso che l'esposizione a lungo termine al particolato (sia fine che grossolano) è legata a un declino cognitivo molto peggiore nelle donne anziane.

Studi precedenti hanno un'esposizione correlata per particolato con rischio cardiovascolare, che può anche avere un ruolo nel causare il declino cognitivo.

L'inquinamento atmosferico può aumentare il rischio di demenza e ictus negli anziani

La ricerca sull'inquinamento atmosferico, inclusi studi a Taiwan e negli Stati Uniti, suggerisce che il particolato contribuisce al rischio di demenza e ictus nella popolazione anziana. Taiwan è la patria del secondo più alto tasso di residenti che invecchiano, quindi non c'è da meravigliarsi se la comunità medica si è interessata all'argomento. Utilizzando informazioni provenienti da campioni di sangue, così come i dati della Taiwan Environmental Protection Administration, gli esperti sono stati in grado di misurare l'associazione tra particolato e funzione cerebrale. Hanno concluso che l'esposizione a lungo termine di alti livelli di inquinamento atmosferico era associata ad un aumentato rischio di demenza.

Una nuova ricerca condotta negli Stati Uniti suggerisce che le persone sperimentano un aumento del rischio di demenza e ictus quando costantemente esposti all'inquinamento atmosferico. Uno studio condotto su più di 900 adulti ha rivelato che l'inquinamento atmosferico aumenta il rischio di demenza e in particolare invecchia il cervello per l'equivalente di un anno.

Un rapporto pubblicato sulla rivista Stroke ha rivelato che anche piccoli aumenti di l'inquinamento atmosferico, ad esempio 2 microgrammi per metro cubo d'aria, in livelli che si trovano spesso nelle città, è stato sufficiente ad aumentare i rischi.

I ricercatori della facoltà di medicina dell'Università di Boston hanno riferito di aver scoperto un rischio maggiore del 46% di colpo silenzioso nei casi in cui vi è una significativa esposizione all'inquinamento atmosferico. Un ictus silenzioso è un tipo di ictus che non sembra presentare alcun sintomo, quindi il paziente non è consapevole di aver subito un ictus. Si sa che i colpi silenziosi causano demenza, depressione e problemi di mobilità.

Diminuzione dell'inquinamento atmosferico a metà passando a strade laterali

Sia i dati medici che quelli ambientali sembrano suggerire che gran parte della nostra esposizione all'inquinamento atmosferico proviene da città edificate. La dottoressa Rossa Brugha è ricercatrice di inquinamento presso la Queen Mary University di Londra. Scoprì che le persone potevano migliorare la loro salute semplicemente usando le strade laterali quando camminavano a differenza delle strade principali. Brugha ha scoperto che l'inquinamento atmosferico diminuisce rapidamente a pochi metri dalle strade principali.

Nel condurre test di deambulazione e nel prendere misurazioni del particolato, Brugha ha scoperto che l'inquinamento è diminuito del 50 percento evitando le strade principali. Il dottore crede che l'inquinamento nelle città possa essere equivalente a fumare mezza sigaretta al giorno ed è molto dannoso per i bambini da quando i loro polmoni sono ancora in via di sviluppo.

La ricerca mostra che i bambini ottengono un terzo dell'inquinamento dal loro percorso scolastico. Ai genitori viene consigliato di aiutare i loro bambini a trovare percorsi migliori da e verso la scuola, come percorsi che li allontanano dalle zone ad alto traffico.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, più di tre milioni di persone muoiono prematuramente ogni anno a causa della costante esposizione all'aria inquinamento. Entro l'anno 2050, si stima che il numero potrebbe salire fino a 6,6 milioni. Mentre le aree ad alto traffico sono un fattore di grande contributo, non sono l'unico problema. Come sottolineato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, le emissioni di energia residua da combustibili utilizzati per cucinare e riscaldarsi, in particolare in paesi come l'India e la Cina, hanno un enorme impatto sui decessi dovuti all'inquinamento in tutto il mondo.

Questo cibo miracoloso inverte la perdita di memoria?
Quali sono le cause delle crisi notturne? Sintomi, diagnosi e trattamento dell'epilessia notturna

Lascia Il Tuo Commento