Il trattamento del disturbo del disturbo bipolare per adulti può essere sicuro per i bambini
Salute

Il trattamento del disturbo del disturbo bipolare per adulti può essere sicuro per i bambini

Litio, un comune trattamento per il disturbo bipolare adulto, è stato dimostrato di essere sicuro per i bambini con la condizione, per un breve periodo di tempo almeno. Il disturbo bipolare, una condizione caratterizzata da estreme oscillazioni dell'umore, viene comunemente trattato con il litio. Il disturbo bipolare inizia generalmente durante l'adolescenza, quindi l'uso del litio nei bambini non è stato completamente studiato.

Al fine di testare la sicurezza del litio nei bambini, due gruppi di bambini di età compresa tra 7 e 17 anni hanno ricevuto dosaggi di litio o un placebo. I pazienti che hanno preso il litio hanno visto grandi miglioramenti nelle loro condizioni - il 47%, rispetto al solo 21% nel gruppo placebo. Rispetto ad altri farmaci psichiatrici, il litio non era associato ad aumento di peso o ad effetti collaterali significativi del farmaco.

Sebbene lo studio abbia valutato solo l'uso del litio, aiuta i medici a decidere meglio una linea di condotta quando si tratta di bambini con disturbo bipolare. Attualmente vengono valutati gli effetti a lungo termine del litio sul disturbo bipolare nei bambini.

Dr. Victor Fornari del Zucker Hillside Hospital ha dichiarato: "Fino a questo studio, non c'erano dati a supporto dell'uso del litio nel trattamento della giovinezza con disturbo bipolare. Questo studio fornisce prove a supporto dell'efficacia e del beneficio del litio nel trattamento di bambini con disturbo bipolare in stato maniacale. "

Lo studio è stato pubblicato in Pediatria .

Fonte:
//consumer.healthday.com/mental-health-information-25/bipolar-affective-disorder-news-60/standby-drug-for-bipolar-disorder-in-adults-may-also-be-safe- efficace-per-bambini

Esplosioni di Norovirus in navi da crociera, complicazioni dell'infezione da norovirus e periodo di incubazione
Equilibrio sodio-potassio nella dieta critica nella prevenzione delle malattie renali croniche

Lascia Il Tuo Commento