Pazienti con sindrome coronarica acuta ad aumentato rischio di suicidio: Studio
Salute

Pazienti con sindrome coronarica acuta ad aumentato rischio di suicidio: Studio

La sindrome coronarica acuta si verifica ogni 25 secondi negli Stati Uniti e ora la ricerca suggerisce che le persone con questa sindrome sono ad aumentato rischio di suicidio.

Sindrome coronarica acuta o ACS è un termine usato per descrivere una serie di condizioni associate a un improvviso, ridotto flusso di sangue al cuore. Questo include infarto miocardico o, come la maggior parte della gente fa riferimento ad esso, attacco cardiaco. Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of American Heart Association suggerisce che coloro che cadono sotto l'egida della sindrome coronarica acuta possono essere a più alto rischio di suicidio, rispetto a quelli che sono sani per il cuore.

I ricercatori hanno esaminato il National Mortality Registry in Taiwan e ha identificato poco più di 41.000 persone di 35 anni e più che si sono suicidate tra il 2000 e il 2012. Dopo essersi adattati ad altre malattie, inclusa quella psichiatrica, hanno scoperto che durante i primi sei mesi dopo una diagnosi acuta di sindrome coronarica, le persone con ACS erano 200 percento più probabilità di suicidarsi rispetto a persone in un gruppo di confronto. Gli autori dello studio affermano che molti pazienti con sindrome coronarica acuta sviluppano depressione e ansia a causa delle limitate capacità fisiche e della scarsa qualità della vita, oltre a un aumento del rischio cardiovascolare.

Anche se lo studio si concentra sulle informazioni dei pazienti di Taiwan, i ricercatori hanno affermato di ritenere che le loro scoperte potrebbero applicarsi ad altri paesi, compresi gli Stati Uniti.

Questa non è la prima volta che la sindrome coronarica acuta e la depressione sono state collegate. Un numero di recensioni ha suggerito che la depressione è comune nelle persone con ACS, ma quelle revisioni non hanno riportato l'associazione tra ACS e suicidio dopo l'aggiustamento per malattie come diabete, ictus, malattie renali e malattie mentali esistenti.

Ancora, nel 2008, un consulente scientifico raccomandava lo screening sistematico della depressione e dell'ansia per le persone con sindrome coronarica acuta. Gli esperti hanno affermato che l'attuazione della raccomandazione rimane insufficiente. Gli autori di questo recente studio chiedono agli operatori sanitari di tenere conto delle maggiori probabilità di suicidio nel valutare pazienti recentemente diagnosticati con ACS. Ritengono che sia cruciale per i cardiologi di tutto il mondo essere consapevoli del potenziale legame tra ACS e suicidio, in modo che possano fare rinvii agli specialisti per la prevenzione del suicidio quando necessario.

Segnali di avvertimento per individuare persone con pensieri suicidi

Quando una persona è a rischio cardiovascolare in seguito ad ACS, gli amici e la famiglia sono probabilmente concentrati su qualsiasi sintomo che potrebbe suggerire che si sta verificando un altro episodio di cuore. Pochi pensano di cercare i segni del potenziale suicidio.

La realtà è che essere consapevoli dei segni del suicidio può aiutare a salvare vite umane. Ecco alcuni segnali di avvertimento tipici:

  • Parlare di suicidio
  • Considerare i modi per suicidarsi
  • Parlare di sentirsi senza speranza o senza scopo nella vita
  • Parlare di sentirsi intrappolati
  • Parlare di essere un peso per altri
  • Abuso di droghe o alcool
  • Avere difficoltà a dormire o dormire troppo
  • Recitazione ritirata
  • Avere sbalzi d'umore
  • Sensazione di ansia, agitazione o coinvolgimento in comportamento spericolato

Evitare la sindrome coronarica acuta è, naturalmente, il meglio che ognuno di noi può fare. Le persone che soffrono di diabete, ipertensione e hanno una storia familiare di cardiopatia ischemica prematura sono ad alto rischio per ACS. I fumatori si stanno anche posizionando nella categoria a più alto rischio.

Quando qualcuno soffre di sindrome coronarica acuta, ha bisogno di tutto il supporto fisico ed emotivo che può ottenere. Gli autori dello studio dicono che spetta alla comunità medica, così come ad amici e familiari, aiutare a proteggere la persona che potrebbe essere alle prese con la depressione.

Le donne asiatiche con meno probabilità di ottenere un follow-up dopo aver ricevuto mammografia anormale
Brief stair climbing è un buon modo per migliorare la forma fisica

Lascia Il Tuo Commento