Farmaci per reflusso acido associati a progressione della malattia epatica cronica
Organi

Farmaci per reflusso acido associati a progressione della malattia epatica cronica

Quasi tutti sperimentano il bruciore di stomaco. È caratterizzato dalla sensazione di bruciore al torace causato da acido gastrico rigurgitato nell'esofago. Mentre la maggior parte delle persone può evitare di avere sintomi di bruciore di stomaco evitando cibi che lo attivano, coloro che soffrono di una forma più grave della condizione richiedono l'uso di farmaci per ridurre l'acido gastrico.

Gli inibitori della pompa protonica (PPI) sono potenti farmaci usati persone che soffrono di eccessivo reflusso acido. Si stima che il 10% della popolazione generale usi gli IPP e un nuovo studio suggerisce che questi farmaci potrebbero aumentare il rischio di malattia epatica cronica.

"I nostri stomaci producono acido gastrico per uccidere i microbi ingeriti e assumere un farmaco per sopprimere la secrezione acida gastrica può cambiare la composizione del microbioma intestinale.Dopo aver trovato precedentemente che il microbioma intestinale [le comunità di batteri e altri microbi che vivono lì] può influenzare il rischio di malattia del fegato, ci siamo chiesti quale effetto potrebbe avere la soppressione dell'acido gastrico sulla progressione della malattia epatica cronica Abbiamo scoperto che l'assenza di acido gastrico favorisce la crescita dei batteri Enterococcus nell'intestino e la traslocazione nel fegato, dove aggravano l'infiammazione e aggravano la malattia cronica del fegato, " ha detto l'autore senior Bernd Schnabl, MD, professore associato di gastroenterologia a UC San Diego School of Medicine.

L'importanza del fegato

Il fegato è uno degli organi più importanti del corpo e dei ser

La cirrosi epatica è la dodicesima causa di morte in tutto il mondo, con il numero di persone che muoiono a causa dell'aumento della condizione. Si pensa che questo sia dovuto ai sempre maggiori tassi di obesità, tuttavia circa la metà di tutti i decessi associati alla cirrosi sono correlati al consumo di alcol.

Il team di ricercatori ha usato modelli murini per determinare l'effetto che la soppressione dell'acido gastrico aveva la progressione della malattia epatica cronica. I topi utilizzati sono stati imitati per avere condizioni epatiche comuni che colpiscono gli esseri umani, tra cui epatopatia alcolica, steatosi epatica non alcolica ( NAFLD ) e steatoepatite ( NASH ).

Inibizione della produzione di acido gastrico associata ad un aumento del rischio

Nello studio è stato usato un PPI comunemente denominato omeprazolo per bloccare la produzione di acido gastrico e bloccarne la produzione attraverso l'ingegneria genetica.

È stato rilevato che la soppressione dell'acido gastrico ha causato alterazioni microbi intestinali, in particolare creando più
specie di batteri enterococchi. Questo cambiamento ha favorito l'infiammazione del fegato e le lesioni epatiche, che a loro volta hanno portato alla progressione dei tre tipi di malattie epatiche sopra menzionate.

Ulteriori studi hanno trovato un legame tra l'uso di PPI e malattie epatiche alcoliche tra le persone che abusano di alcol. Gli utilizzatori di PPI avevano un aumento delle concentrazioni di feci di Enterococcus.

Inoltre, è stato scoperto che coloro che hanno abusato cronicamente dell'alcool erano dell'8,3% più alti di quelli che usano attivamente gli IPP rispetto a quelli che non hanno mai usato i farmaci bloccanti l'acido. l'obesità e l'uso di alcol predispongono una persona al reflusso acido che richiede un farmaco antiacido, molti pazienti con malattia epatica cronica assumono farmaci soppressivi con acido gastrico senza indicazione appropriata. Riteniamo che i medici dovrebbero considerare la sospensione di farmaci che sopprimono l'acido gastrico a meno che non ci sia una forte indicazione medica, "

Schnabl ha detto.

Segreto per una buona salute dell'intestino
Malattia di Alzheimer e allucinazioni: far fronte alle delusioni della malattia di Alzheimer

Lascia Il Tuo Commento