1 Su 4 anziani trovati per avere superbatteri sulle mani dopo la degenza ospedaliera: Studio
Salute

1 Su 4 anziani trovati per avere superbatteri sulle mani dopo la degenza ospedaliera: Studio

Un nuovo studio ha rilevato che uno su quattro anziani chi rimane in ospedale ha un superbatterio nelle loro mani. Inoltre, gli anziani che si sottopongono a cure a lungo termine o una struttura di assistenza post-acuta acquisiranno nuovi superbatteri durante tutto il loro soggiorno.

Lo studio ha esaminato gli anziani che sono stati recentemente ricoverati in un ospedale per problemi medici o chirurgici e hanno richiesto cure temporanee.

I ricercatori hanno studiato 357 anziani e hanno scoperto che un quarto di loro aveva almeno un organismo resistente alla multiresistenza - o superbatterio - nelle mani quando hanno fatto il check-in dall'ospedale alla struttura post-acuta.

Dopo due settimane e poi mensilmente per un massimo di sei mesi, i pazienti sono stati testati nuovamente e hanno scoperto che i superbatteri persistevano e anche altri anziani li hanno acquisiti.

L'autrice principale Lona Mody ha dichiarato: "Abbiamo educato gli operatori sanitari per decenni sulla mano l'igiene, e questi numeri mostrano che è tempo di includere i pazienti nelle loro performance e istruzione di igiene delle mani. "
Un'alta quantità di superbatteri sulle mani degli anziani aumenta il rischio di trasmissione ad altri anziani. Questo può essere dannoso o addirittura fatale negli anziani fragili. I ricercatori suggeriscono che un elevato uso di antibiotici aumenta il rischio di ottenere un superbatterio in una struttura post-acuta.

L'uso eccessivo di antibiotici è ciò che contribuisce a rendere i batteri resistenti ai farmaci, il che li rende più pericolosi.

Mody aggiunta "Il lavaggio delle mani dei pazienti non è una pratica di routine negli ospedali. Dobbiamo sviluppare i principi generali che abbiamo già sviluppato con le teorie dell'apprendimento degli adulti e portarli ai pazienti. "

Mody e il suo team hanno sviluppato strategie per ridurre la diffusione dei superbatteri all'interno delle strutture ospedaliere e di cura. Alcuni punti chiave inclusi, l'aggiunta di poster educativi sull'igiene delle mani, l'implementazione di moduli educativi e domande trivia sul lavaggio delle mani, e la presenza di un sistema di prevenzione delle infezioni in loco per garantire il corretto svolgimento della procedura e sono disponibili sapone e disinfettante antibatterico.

fonte:
//www.eurekalert.org/pub_releases/2016-03/uomh-1i4031416.php

Come migliorare la vista: 11 rimedi casalinghi per migliorare la salute degli occhi
La società non ama le donne grasse - Studio scioccante

Lascia Il Tuo Commento